Titolo

Lo stupro prescritto e la riforma dell'istituto della prescrizione: riflessioni a margine

1 commento (espandi tutti)

Ringrazio per la risposta.

Solo tra parentesi ho fatto la mia personale considerazione sulla facoltà di non rispondere in generale, non collegandola solo alla dichiarazione dell'imputato.

In effetti la mia curiosità è sulla compatibilità della modifica che ho indicato con l'ordinamento vigente, sia riguardo alla dichiarazione impegnativa dell'imputato che riguardo all'aumento di pena in caso di dichiarazione di innocenza successivamente smentita da una sentenza di condanna. Anche se capisco bene che ci possono essere situazioni in cui l'imputato, in buonafede, può aver commesso un reato senza averne coscienza. Questo lo porterebbe a dichiararsi innocente ma a subire la condanna di colpevolezza, con l'aggravante dell'aumento di pena.

Però penso che spetterebbe all'avvocato difensore saperlo consigliare. Riflettendoci, forse in caso di dubbio, potrebbe pure astenersi.