Titolo

Comunicare meglio dei populisti

3 commenti (espandi tutti)

mi rifaccio al titolo del film "lui e' tornato" di cui torno a caldeggiare la visione

per come l'ho interpretato il film dichiara che il populismo non se ne e' mai andato , che e' una parte di noi.

questo per dire che forse il problema non e' quello di imitarne le strategie comunicative 

la domanda che credo dobbiamo porci e' :  dal momento che la tecnica persuasuva del populismo non cambia quali sono le circostanze storiche che la rendono piu' o meno attraente per l'elettore medio?

se si vogliono evitare le "derive populiste" bisogna farlo agendo sull'elettorato disposto ad ascoltarne le tesi piu' che competere sulle tesi stesse

Non credo che leader come Mussolini, Hitler, Tojo siano da considerare esempi del populismo. Li definirei nazionalisti, imperialisti, miltaristi. E cosi si sarebbero autodefiniti. E vero che godevano di un appoggio popolare e la loro propaganda si rivolgeva al popolo con tecniche simili a quelle dei populisti.

Ma i veri populisti sono persone come Lafollette o William Jennings Bryan negli USA, la signora Peron o Getulio Vargas in America del Sud (probabilmente il continente dove il populismo ha avuto maggior consenso), Poujade o il Cavaliere o Bossi che non avevano nessun interesse a conquistare territori ecc.

direi di si'

bonghi 30/3/2017 - 21:39

anzi direi che loro ( benito e adolfo ) hanno toccato l'apice del populismo , mai nessun altro nella storia ha celebrato i fasti , reali o presunti , del prorio popolo quanto fecero i due

oltre a questo : l'avversita' alle elite in carica , una narrazione socialista , la presenza di un leader carismatico , la svalutazione delle forme e della democrazia rappresentativa direi che calzano perfettamente con la descrizione proposta da treccani

cmq che fascismo e nazismo siano o meno stati populismi non e' il punto , anche con l'esempio da lei portato dell'america latina ( cui pero' io continuo ad aggiungere quello dell'europa anni 20-30) si possono analizzare le situazioni che portano al successo dei populismi , con l'obbiettivo di evitarle

cosa che del resto mi pare di intravedere sia perseguita dalla germania che fa di tutto pur di contenere la disoccupazione , primo grande bacino di voti per i populismi