Titolo

Comunicare meglio dei populisti

1 commento (espandi tutti)

Non metto certo in dubbio che finito lo slancio iniziale Renzi abbia assunto una deriva populista e clientelare. Mi riferivo piuttosto ad altri tipi di critiche che gli sono state formulate. Tipo le critiche di ingigantire i suoi successi (posti di lavoro, crescita, ecc.) e sminuire i suoi fallimenti (più posti di lavoro, ma indebolendo il tempo indeterminato e con miliardi di sussidi, crescita, ma grazie al QE e troppo debole e così via). Io in questo, più che una volontà di negare i fatti (i ristoranti pieni alla Berlusconi), ho sempre visto un'applicazione di alcune delle strategie comunicative delineate nell'articolo (essendo comunque io già da tempo familiare con esse).

Ritorno però sul fatto che a mio avviso oggi come oggi la comunicazione non basta più. Se si vuole restare al governo, soprattutto in un sistema parlamentare come quello italiano, è necessario ogni tanto strizzare l'occhio anche ai populisti. Non si possono fare miracoli con le narrazioni. Tanto per fare un esempio, non si può abolire la licenza dei taxi e poi sperare di raccontar loro che il governo è dalla parte dei taxi. Però magari si può aumentare la concorrenza a fronte di un qualche rimborso una tantum per i taxisti, raccontando loro "abbiamo fatto quello che ci impone l'Europa in tema di concorrenza, però da parte nostra vi abbiamo dato un risarcimento". è un provvedimento populista? Certo! Ma magari si sono limitati i danni, e alle prossime elezioni anziché avere contro il 100% dei taxisti se ne avranno contro il 50%. L'alternativa è un Grillo che difende i taxisti a spada tratta, a costo di minacciare di uscire dall'Europa se questa ci dovesse imporre di liberalizzare il mercato dei taxi.

Quello che voglio dire è che dubito che la ricetta "magica" per restare al governo sia provvedimenti serie e narrazione che piace ai populisti, che è la tesi dell'articolo, perché secondo me non funziona. La ricetta  a mio avviso è una parte di provvedimenti seri, una di contentini ai populisti ed una narrazione che si appoggi soprattutto su quest'ultimi per piacere a questo tipo di elettorato. Certo, il rischi è di far incazzare sia i populisti (non sei abbastanza populista!) che i riformisti (vai dietro ai populisti!) e restare col cerino in mano (Renzi in parte docet).