Titolo

La vittoria di Trump: alcuni commenti a temperatura ambiente

3 commenti (espandi tutti)

I punti di attacco per limitare la globalizzazione sono moltissimi.

Faccio un esempio, preso tra mille:

perchè i giocattoli chi produciamo in Europa hanno giuste , rigorose restrizioni in fatto di sicurezza e quelli che importiamo dallEstremo Oriente no. ? Costando ovviamente molto di meno .

Proseguiamo. L'A. domanda "che facciamo, spariamo sui barconi?"

Non è necessario. Basta che la nostra marina militare ( ma non è stata inventata per impedire invasioni straniere?) navigando ENTRO le acque territoriali dei paesi da cui proviene l'invasione, agganci le barche (ormai diventate quasi di carta per risparmiare sui costi) e le riporti sulle spiagge di partenza. Così come succederebbe a chiunque di noi che si presentasse al confine di uno stato che esige il passaporto.

Mi perdoni l'A. ma ho la PERCEZIONE ( mi si perdoni la parola ormai diventata di moda a torto e a ragione) che lui si comporti, nell'analisi , come le studioso del calabrone il quale , secondo tutte le teorie, non dovrebbe volare.

Per attaccare la globalizzazione non è necessario invocare la scarsa sicurezza dei giocattoli cinesi e/o la mancata protezione dei lavoratori su standards occidentali (sono una forma di protezione - si chiamano NTB non tariff barriers). Basta mettere un dazio. Ma io vorrei preservare il libero commercio

Mandare la Marina nelle acque territoriali di un paese straniero senza autorizzazione è un atto di guerra. E per l'autorizzazione è necessario un accordo. Ma allora tanto vale fare un accordo per impedire le partenze, come con la Turchia

Piccolo problema: con chi si accorda in Libia, dove non c'è governo? Cosa succede se una milizia spara sulle nostre navi? Rispondiamo al fuoco, schierandoci nella guerra civile? Occupiamo un porto per far attraccare le navi italiane in sicurezza ?  Poi cosa facciamo dei migranti riportati - li buttiamo fuori nel deserto o  paghiamo le milizie per riprenderli? Occupiamo tutta la Libia?

o meglio del bombo, perchè è lui l'insetto oggetto di quella che oramai è una vecchia credenza. Sappiamo come fa a volare: turbolenza ed aerodinamica instazionaria