Titolo

Autarchia a 5 Stelle

5 commenti (espandi tutti)

A quanto vedo sul sito di Amazon, il passo risulta evidenziato. Ottima occasione per acquistare il volume.

Rimedierò il libro appena potrò.  Strano che Amazon non mi mostri quel passaggio nell'estratto; chissà se seleziona l'anteprima in base alla profilazione dell'utente!  In ogni caso non lo trovo nemmeno su Google books.

Al momento mi viene comunque da pensare che, per quanto serve alla tesi del libro, va benissimo parlare di importazioni e non di saldo nettp della bilancia.

Ho il libro sul mio Kindle...confermo la citazione riportata :"L’Italia dipende dall’ estero per il 40 per cento del grano duro, per il 70 per cento del grano tenero, per il 25 per cento del mais, per il 90 per cento della soia e per il 50 per cento delle carni. Ogni anno la nostra bilancia agroalimentare è in rosso per circa dieci miliardi di euro. Non è certo coltivando cipolla di Tropea biologica (per carità, ottima) o lenticchie di Castelluccio (ottime pure loro) che possiamo pareggiare i conti."

 però da qui i dati di Bressanini, almeno per quel che riguarda il bilancio agroalimentare, sembrano completamente sbagliati. Invece quelli sui cereali sembrano giusti.

Attenzione.  Le due versioni potrebbero non essere in contrasto.  Rimando il mio giudizio a dopo la lettura del libro, ma l'impressione è che Bressanini si sia espresso male.

A quanto si capisce, lui conta la bilancia commerciale del settore cereali, e lì noi siamo sì importatori netti.

Ma attenzione (parte due): noi esportiamo altro (qui il rapporto export del SACE del 2015, che dedica molta attenzione al settore in questione); dire che dipendiamo per le materie prime non vuol dire che non esportiamo prodotti finiti.   Importiamo grano ma esportiamo pasta, e a noi resta la monetizzazione del valore aggiunto creato nella lavorazione.  Considerando che di base esportiamo principalmente prodotti finiti (vino, pasta, olio, conserve, formaggi,... ) non limiterei lo sguardo alle sole materie prime.

UPDATE: Pare che anche con i prodotti finiti siamo sotto.