Titolo

Hillary Clinton e l'Isis. Una bufala e molto di più

1 commento (espandi tutti)

Purtroppo mi sembra che sia Andrea (del quale non mi interessa molto sapere il nome) che gli altri non abbiano molta cognizione di causa e parlano molto per sentito dire, come tra l'altro ognuno di noi deve fare per necessità. A meno che non essere dentro le faccende dei servizi. Quindi se posso dire la mia, preferisco fare domande:

1) Siccome è stato reso noto che l'ISIS trafficava in petrolio con la Turchia, paese NATO, come mai la NATO non ha chiesto alla Turchia di giustificare e/o smettere tali traffici?

2) Dato il vuoto creato dall'amministrazione Obama è stata secondo voi una decisione sensata quella della NATO di proseguire nell'appoggio ai ribelli anti Assad, sapendo che l'ISIS ne avrebbe giovato?

3) Di conseguenza, come è possibile che solo l'intervento della Russia abbia trascinato la NATO in un tentativo, apparentemente molto difficile, di distinguere fra ISIS e ribelli e quindi di cercare di colpire i primi?

Rocco Gennari (=roccog)