Titolo

Ancora sugli 80 euro

3 commenti (espandi tutti)

In aggiunta alle considerazioni di merito sul bonus (ho puntualmente crocefisso per settimane in FB il viceministro "liberale" Zanetti sul punto, che lo voleva catalogare come minori imposte) vanno fatte altre considerazioni sul modo astruso e assurdo con cui si calcolano deduzioni e detrazioni e che solo chi ha familiarità con la dichiarazione conosce.
All'università studiammo le deduzioni e le detrazioni... erano concetti SEMPLICI che fra l'altro permettevano di capire subito se stavi facendo giusta la dichiarazione o avevi cannato.
Ora ci sono le detrazioni a geometria variabile ed una particolare voce di reddito specificamente finalizzata a calcolare (leggasi bastonare) bonus e detrazioni.
La vergogna più grande è stata la cedolare "secca" che è stata progressivamente inzuppata fregando (come sempre) tutti quelli che si erano fidati e contraddicendo la logica semplificatoria.
Infatti molti di quelli che restituiscono il bonus lo devono fare per l'effetto della cedolare secca sul "reddito ai fini delle detrazioni".
Bisogna abbandonare un po' di piglio professorale e denunciare la ultradecennale perdita di buon senso.

quello delle imposte e delle expenditures che cambiano in corso di "patto fiscale" è un altro capitolo che andrebbe approfondito. Lo Stato fa e disfa continuamente

La vergogna più grande è stata la cedolare "secca" che è stata progressivamente inzuppata fregando (come sempre) tutti quelli che si erano fidati e contraddicendo la logica semplificatoria.

se ben ricordo correva l'anno 2004. chi aveva crediti fiscali e poco reddito, se li vedeva svanire etc.