Titolo

Ancora sugli 80 euro

5 commenti (espandi tutti)

Beh ma questo avviane perchè è un fisco chiaramente orientato alla crescita :-D.

Scherzi a parte Sandro Brusco aveva previsto la questione al punto 2 con largo anticipo e scriveva 2 anni fa:

Io qui devo confessare che spero fortemente di aver capito male. Per come ho capito, il seguente scenario è possibile. Un lavoratore dipendente, magari part-time, guadagna 700 euro lordi al mese (per fare i conti in modo più rapido ipotizzate che questo ammontare includa la quota di tredicesima), corrispondenti a 8.400 euro lordi annui. È un livello sufficientemente alto da garantirgli l'erogazione del bonus, per cui questo lavoratore vedrà aumentare di 80 euro il suo stipendio a partire dalla busta paga di maggio. Ora immaginate che il lavoratore resti disoccupato alla fine di novembre, per cui non percepirà lo stipendio di dicembre. Alla fine dell'anno il suo reddito lordo risulterà essere 7.700 euro, un livello che non dà diritto al bonus!  Cosa succede in questo caso? Per come stanno le cose, sembrerebbe che il lavoratore dovrebbe restituire, quando farà la dichiarazione dei redditi, gli 80 euro mensili che si è visto pagare tra maggio e novembre, per un totale di 540 euro. È difficile immaginare qualcosa di più raccapricciante che chiedere i soldi a un disoccupato perché ... ha perso il lavoro, una sorta di assicurazione sulla disoccupazione al contrario.

Aveva capito benissimo a quanto pare !

per come l'ho capita io se si parla del 2015 deve resituire in un botto tutti gli 80 euro presi da gennaio a novembre. Se non supera gli 8'000 annuali, non ha diritto ad alcun rateo mensile. Gli 80 euri di dicembre non li ha già presi, non avendo ricevuto lo stipendio. Se invece si parla del 2014 allora il ricalcolo parte da quando gli 80 euro sono stati instituiti, quindi non da inizio anno.

Penso si parli del 2015 è possibile che questo problema si sia verificato anche per i redditi del 2014 ma sarà capitato ad un numero minore di contribuenti visto che la detrazione era minore e forse non ha fatto notizia.

Sandro Brusco falsifica l'ipotesi che gli economisti non sappiano fare previsioni... o rivela di non essere un economista! :-)

In quel caso il contribuente avra' un imponibile di 7.700 euro, sul quale deve pagare zero tasse.
Avra' ricevuto netti in busta esattamente 7.700 euro.
Cambia la natura della detrazione, ma sempre alla stessa cifra si arriva.

Chiaramente e' fondamentale che si preveda una maniera snella per gestire la cosa in automatico, senza pretendere che il contribuente debba tornare il bonus e chiedere poi il rimborso dell'IRPEF (cosa che avrebbe dovuto fare cmq in mancanza del bonus 80 euro).