Titolo

La guerra alla crittografia - alcune questioni tecniche

1 commento (espandi tutti)

...e neanche tanto preoccupato della mia privacy, trovo convincenti le ultime argomentazioni dei techies, in particolare questa di Dagnelli.

Aggiungerei che la decrittazione dei messaggi dei terroristi non mi pare una risorsa così importante nella lotta al terrorismo. Anche se lo Stato riuscisse sempre a decrittare i loro messaggi digitali, cosa peraltro incerta se ho ben capito, loro presto se ne accorgerebbero e ricorrerebbero ad altri modi di comunicazione. Forse più faticosi per loro, ma non so quanta differenza farebbe. Mi pare che già qualcun altro abbia fatta questa obiezione, che porta a valutare come esiguo il vantaggio nel trade off di cui si discute (dire zero, come ha detto credo Gilestro, mi sembra eccessivo), a fronte di svantaggi ben maggiori -- anche per chi come me tenga poco alla sua privacy.