Titolo

La guerra alla crittografia - alcune questioni tecniche

1 commento (espandi tutti)

Io penso che ci siano si delle obiezioni certamente valide per la creazione di una backdoor governativa, non metto indubbio ci sono dei rischi e costi e secondo me sono da valutare, fermo restando che il problema non è la privacy, faccio alcune considerazioni , ma credo che l'obbiettivo non è rendere illegale la crittografia, non è impedirene l'uso in assoluto, ma è renderne (se possibile) difficoltoso l' accesso:

  1. 1) alla domanda chi comprerebbe A sapendo che il governo ci puo' guardare dentro? in un modo dove nel 2014 il 30% dei PC connessi ad internet utilizzava windows XP, mi sembra che per i aziende e cittadini il problema non è certamente se il governo ci guarda dentro o meno in un mondo dove le falle di sicurezza vengono corrette settimanalmente alle volte mensilmente, persone usano il telefono sapendo che  potrebbero venire interecettate, non sento lametnarsi AT&T della cosa, la gente compra un iphone non perchè il governo non ci puo' guardare dentro le due cose sono separate, potrebbe farlo sia il governo che un criminale...  
  2. 2) è inutile ?  forse si, forse i buoi hanno già lasciato il recinto, pero'  non si tratta di rendere illegale la crittografia quella è una cosa impossibile, ma nessuno mira a niente del genere. Il chimico si domanda perchè non vendono il tritolo al supermercato dato che vendono già gli  ingredienti per farlo, è un analogia forzata ma è solo per far comprendere il ragionamento, la semplicità è un aspetto importante, la complicazione crea indizi, gli attentatori hanno usato un iphone perchè era semplice, se avessero fermato un sospettato con un balckphone(banalizzo) avrei avuto sospetti più forti piuttosto che un tizio con un iphone no ?
  3. 3) un software illegale è differente da un software legale diffuso illegalmente, soltanto un criminale avrebbe bisogno di un software illegale.

Mi rendo conto che tra P2P, open source e informazioni alla portata ormai di chiunque è forse del tutto inutile, politicamente inattuabile, tuttavia si puo' pensare qualcosa per rendere le cose un po' più complesse...