Titolo

La guerra alla crittografia - alcune questioni tecniche

7 commenti (espandi tutti)

non hai presente l'ondata di populismo anti-islam ed anti-immigrati che si sta sviluppando in tutto l'Occidente? Mai sentito parlare di Trump, Salvini, Le Pen etc.?  L'unica linea di difesa efficace contro l'identificazione retorica immigrati=musulmani=terroristi (ed entro certi limiti contro il reclutamento dei radicali islamici)  è tranquillizzare la popolazione  mettendo in galera i terroristi possibilmente prima che si facciano saltare in aria.  Per questo sono disposto a sacrificare  la privacy delle comunicazioni, ovviamente con dei limiti. Evidentemente tu ritieni più importante la privacy della lotta al terrorismo. 

che vuole fare un muro per impedire l'immigrazione.

giovanni sei un mito

...che c'entra il suo muro con la liberta' dei cittadini? E che c'entrano i messicani (contro cui il muro e' diretto) con i terroristi? 

NON è questione di privacy, è questione di sicurezza informatica! Capitelo cavolo!
Senza certi accorgimenti, tra cui la crittografia, i tuoi dati sarebbero vulnerabili, che vuol dire:
- perdita di dati (anche irrimediabile, come nel caso cryptolocker)
- furto di dati (ti fregano la carta di credito)
- blocco del funzionamento del server/pc (non ti va la mail perché il server è bloccato, non riesci ad accedere ad un sis.operativo funzionante)
tanto per citare i primi esempi che mi vengono in mente.

"Tranquillizzare la popolazione mettendo in galera i terroristi"
Accedendo ai dati di milioni di persone?
Se questo è il trade-off preferisco annientare la mafia, posso ancora scegliere?