Titolo

Toppe per le banche e voragini per il paese

2 commenti (espandi tutti)

senza polemica, mi limito a notare che non vi è mai stato un divieto espresso di legge a vendere azioni ed obbligazioni subordinate agli investitori retail, ma ciò non basterebbe ad assolvere chi ha seguito queste pratiche commerciali nei casi di specie. Non è solo questione di informazioni:  i dipendenti ed i promotori designati dalle quattro banche si saranno sicuramente preoccupati di fare sottoscrivere ai clienti tutta la modulistica del caso, ma dubito fortemente che gliene abbiano raccomandato l'attenta lettura prima di apporvi le firme.

La mia esperienza professionale di induce a pensare che gli abbiano semplicemente chiesto di firmare una serie di moduli stampati e precompilati, rassicurandoli sul fatto che si trattasse di mere formalità e senza spiegare quali rischi effettivi essi avrebbero affrontato e senza lasciare loro il tempo di esaminare quei moduli, riflettere sui loro contenuti e, eventualmente, chiedere chiarimenti.

Colpa dei clienti? Sì, secondo il senso comune; no, secondo lo spirito della normativa MiFID: difficilmente si potrebbe ravvisare in queste condotte un comportamento diretto alla cura dell'interesse dei clienti. Se così fosse stato, illegale non sarebbe stata vendere qualcosa che in sé non era vietato vendere, ma venderlo in un contesto nel quale i clienti non potevano avvalersi delle informazioni e della collaborazione dovuta dall'intermediario.    

Lo capisco pero' bisogna un attimino assumersi le proprie responasbilità, il cosiddetto moral hazard per me c'è anche verso quelle persone che hanno firmato 5 fogli che subiscono delle perdite e vogliono tornare indietro, hanno tutto il diritto di fare causa verso chi li ha truffati,  avranno anche firmato senza leggere l' informativa ecc. non lo metto in dubbio, ma qual' è il limite ? I contratti firmati hanno ancora un valore in questo paese o si puo' sempre tornare indietro sulla base dei rislutati ? Sinceramente è un po' la cultura di questo paese, i rischi sono di tutti i frutti invece... beh i frutti sono miei.  Trovo correttissimo che facciano casua a quelle persone che li hanno truffati probabilmente non riavranno mai indietro il proprio capitale e spero che chi ha sbagliato/truffato paghi esattamente come i clienti che pagheranno quella leggerezza/ eccesso di fiducia molto cara e la cosa mi dispiace sinceramente, ma spero che questa storia dia una bella lezione alla nazione intera, consapevole tuttavia che non sarà né la prima né l' ultima...