Titolo

Eurabia e Società Aperta

1 commento (espandi tutti)

Può essere che la crescita economica abbia avuto il suo sviluppo laddove non vi era nozione alcuna di esternalità negativa, perché ancora tutta da sperimentare. Al contrario, da quanto ne so i regimi contemporanei per così dire illuminati subiscono o quantomeno conoscono più o meno direttamente le distorsioni prodotte dal capitalismo (siate magnanimi, non sono certo un no global...), ovvero, ne sperimentano o quantomeno selezionano i difetti, veri o presunti, che sono insiti (nel senso inteso da Francesco Forti qua sopra, se ho ben inteso) nell'essere occidentali. Non è possibile fare alcun discrimine, dato che i benefici si portano appresso anche le esternalità. Questi regimi hanno tutti gli elementi per fare propaganda anti-occidentale, e forse neppure ne hanno bisogno. La scissione interna alla famiglia reale saudita è emblematica, proprio laddove il benessere è esperienza quotidiana. Forse il progresso non attecchisce per 'definizione', anche perché non ne possiede una che sia eticamente solida e inattaccabile, a maggior ragione laddove la religione coinvolge a tal punto l'esistenza da ostacolare qualsiasi cambiamento. Ciò non toglie che il progresso per come lo intendiamo noi sia comunque efficace nella maggioranza dei casi in cui riesce a manifestarsi.