Titolo

Fenomenologia del regalo populista

3 commenti (espandi tutti)

In italia le tasse universitarie si pagano in base al reddito quantificato con l'indicatore ISEE.

Ad esempio, io ho pagato per i miei figli una quota vicina al massimo, 3700 Euro all'anno, mente chi non ha reddito paga credo intorno ai 200 Euro. Nel mezzo, le tasse sono proporzionali al reddito e risultano mediamente di 1200 Euro l'anno. 

Alcuni anche qui sostengono che questo vada a vantaggio dei redditi più elevati, facendo un conto puramente economico che trascura la fiscalità generale. Ad esempio, nel fare questi conti bisognerebbe tenere conto che gli assegni famigliari in Italia sono inesitenti per i redditi medio-alti. 

A parte questo, dalla pubblicazione che ho già segnalato, risulta che l'Italia è agli ultimi posti per i benefit agli studenti, come alloggi o borse di studio (meno dell'8% degli studenti). Bisognerebbe agire qui e non sulle tasse per riequilibrare il sistema a favore dei redditi bassi. Questo almeno è quanto ho cercato di sostenere.

secondo un meccanismo abbastanza complicato, ma apparentemente abbastanza ragionevole, che varia da regione a regione (vedi http://www.er-go.it/ per l'Emilia-Romagna). In pratica, chi ha un ISEE piuttosto basso ha uno sconto che va, in Emilia, dal 10 al 50%, se ho capito bene.

Una tassazione progressiva di questo genere risponde in parte all'obiezione "redistribuzione dai ricchi ai poveri", ma non annulla altre obiezioni di chi sostiene che le tasse dovrebbero coprire una parte maggiore dei costi e finanziare più largamente borse di studio e prestiti fiduciari (che pure sono previsti dalla normativa attuale in Emilia-Romagna, vedi sempre http://www.er-go.it/ ). 

Nel documento che hai linkato riguardo l'Italia ''The overall amount of fees at the end of financial year should not be higher than 20 % of public funding''.
Insomma le tasse universitarie coprono una piccola parte del costo di un servizio, finanziato dalla fiscalità generale ed usato prevalentemente dalle fasce sociali più benestanti (http://noisefromamerika.org/articolo/redditi-famiglie-universitari).