Titolo

Fenomenologia del regalo populista

1 commento (espandi tutti)

Come da soggetto, l'idea di elargire soldi a fondo perduto a tutti i cittadini che compiono 18 anni non è così balzana come può sembrare, ed è già stata seriamente messa in campo da altri (se non erro da Murray in particolare in Losing Ground).  L'Italia è notoriamente un paese in cui l'assenza di un "welfare" per i giovani è stata compensata solo parzialmente da distorsioni molto significative a favore delle generazioni precedenti; in definitiva, mi sembra almeno possibile che questa iniziativa avrà conseguenze più positive di quelle che finora sono state prospettate.

Nel caso peraltro di questo bonus in particolare sembra che sarà espressamente destinato alla fruizione di cultura (l'articolo cita teatri, musei e concerti).  In parte sarà quindi semplicemente un sussidio a queste attività: in particolare nel caso di quei giovani che senza il bonus non ne avrebbero usufruito (o non nella stessa misura).  Incentivare la fruizione di "cultura" di questi giovani è un'iniziativa indubbiamente criticabile, ma potrebbe essere positivo nel promuovere l'inclusione sociale (obiettivo solitamente non facile).