Titolo

Fenomenologia del regalo populista

1 commento (espandi tutti)

"fra i nostri lettori sembra esserci scarsa indignazione": parlo ovviamente a titolo personale, ma in Italia si può essere solo o rassegnati o adattati. Rassegnati perché, lungi dal trattare di riforme, basta uscire di casa la mattina per comprarsi un po' di colazione per capire che questo paese non ha speranza: rispetto delle regole, rispetto delle file, controllori che si fanno pagare e non controllano, gente coi diritti conculcati che se ne frega (pecora o farà la furba in futuro a sua volta?), M5S che vuole la lotta alla casta salvo poi incoraggiarla col "SI' all' acqua pubblica", e viene votato da un popolo che compra acqua in bottiglia a carrettate: tutto normalmente aberrante, nessuno più ci fa manco caso. Adattati perché, in mancanza di prospettive, è conveniente sfruttare il vento: se sono un disoccupato che ha come unica prospettiva quella di andare a farmi schiavizzare in un call-center, e questo dipende solo in parte dalle tasse sul lavoro, dipende soprattutto dalla mentalità da micro bottegai dell' impresa italiana ad ogni livello, è chiaro che mi opporrò a qualunque inasprimento pensionistico e sulla casa, perché vivo della casa e della pensione di qualche mio parente. E', così, ovvio che voti di Ingroia/voti di FiD = 2, ed è in larga parte indipendente dall' incidente della laurea. Contentiamoci almeno che si siano vendute una fetta di Alitalia ed una di PP. TT. .