Titolo

Mio nonno fava i mattoni ...

1 commento (espandi tutti)

 Il termine "libbberali" (con 3 b) è utilizzato in Italia da un paio d'anni, da parte di commentatori "libertari" (sottospecie anarcoide) per denigrare praticamente tutti i politici e politologi non schierati in partiti.

In questo articolo, al contrario, è utilizzato da "non schierati" per definire i libertari (libbbertari?).

Fino a ieri, ogni termine che iniziava con "liberal" aveva un significato indefinito. Oggi dobbiamo limitarci a "lib".

E' proprio vera la frase di Shumpeter "I nemici del liberalismo hanno vinto la battaglia finale appropriandosi del termine". Ma si riferiva al termine "liberal" usato negli USA.

La mia domanda ora è:

Esiste in inglese una parola che traduca il nostro "liberale" inteso come "liberalismo classico"?

Come classificano, in Storia delle Dottrine Politiche, il pensiero di Locke, Smith e Voltaire che rimbalzando su intellettuali come Verri, Beccaria, Bastiat, Bohm Bawerk, Einaudi, Popper, Freidman, Leoni, Hayek etc. ha superato intonso i secoli?

Non posso accettare che lo definiscano "conservatism". I Founding fathers "conservatives"?

Ed in GB? Anche lì il termine "liberal" equivale al nostro "socialdemocratico"?