Titolo

Mio nonno fava i mattoni ...

6 commenti (espandi tutti)

a)  Non so in Germania, ma nella maggior parte degli USA la tassa sulla casa e' usata prevalentemente per pagare servizi locali, sopratutto le scuole.   Il che significa che, in pratica, l'effetto a lungo termine della tassa e' anche di  far si che poveri (e, strizziamo l'occhio, neri. O "redneck" rurali) vivano, studino, e lavorino in posti completamente geograficamente separati dai ricchi (e strizziamo l'occhio, bianchi).
A volte sotto minaccia di 20 anni di galera ( http://www.alternet.org/story/152737/20_years_in_prison_for_sending_your_kids_to_the_wrong_school_inequality_in_school_systems_leads_parents_to_big_risks  ).

Se un posto come Ferguson e' un universo differente dal resto di St. Louis pur essendo da poche miglia dal Prof. Boldrin, e se la segregazione scolastica in molti posti negli USA e' peggiore che negli anni '60 e' anche a causa del fatto che le spese locali negli USA siano cosi' dipendenti dalle tasse sulla casa.   Non e' la sola causa ovviamente, ma e' una causa.   E i powers-that-be lo sanno benissimo.   

In Italia questa stratificazione geografica sociale era  presente in misura molto ridotta, ma sta nascendo e crescendo. E va combattuta.

b) Il problema della tassa come e' non e' la doppia tassazione, e' che in pratica e' una poll tax (forse Renzi qualcosa sulla Thatcher la sa e ha imparato la lezione).   Vieni tassato non in base al reddito, ma in base fissata al valore di qualcosa che hai comprato in passato (la tassa sulla VENDITA della casa e' un'altra cosa).    Diventi disoccupato, ti ammali, le tue condizioni peggiorano... devi pagare la stessa somma. Con tasse sul reddito, spendi meno ma la rovina finanziaria per non-pagamento di tasse e' impossibile indipendentemente dall'imposizione fiscale fiscale.   Con le tasse sulla casa, si.   Ovviamente lo stesso discorso vale per l'IVA, ma l'effetto economico sulla casa e' peggio.   Per questo, tasse del genere possono benissimo aumentare la diseguaglianza.   Se le tasse diventano troppo regressive, la societa' si trasforma in un'oligarchia.

c) Detto tutto questo, una tassa sulla casa ci starebbe.  Se e' vero che la tassa sulla casa e' regressiva, e' anche vero che esentare di tasse un castello e' ingiusto.    A patto, pero', di avere un sistema di case popolari, e un mercato di affitti sano e ben regolato (come in Germania, per intenderci) che protegga il cittadino (proprietario o affittuario) dal dormire sotto i ponti.   In Italia, e in gran parte degli USA, non e' cosi', il che significa che la casa di proprieta' potrebbe benissimo essere la tua unica garanzia di non finire sotto un ponte.  Il problema non e' la tassa sulla casa in se', e' la tassa sulla casa in queste condizioni.

Tu consideri l'imposta sulla casa come iniqua e regressiva, ma ti faccio il seguente esempio. Ipotizziamo che Rossi e Bianchi siano due individui con un reddito di 30.000 euro, che vivono in due abitazioni di pari valore nella stessa zona. Entrambi versano irpef per 7.000 euro, solo che Rossi è proprietario della casa in cui vive e sostiene costi di riparazione per 3.000 euro annui, Bianchi invece paga 9.000 euro all'anno di affitto. A Rossi per i propri consumi personali restano 30.000-7.000-3.000=20.000 euro, a Bianchi 30.000-7.000-9.000=14.000 euro. In assenza di imposte sulla casa Bianchi deve pagare le stesse tasse di Rossi pur avendo disponibilità economiche decisamente inferiori: ti sembra equo?

Il padrone di casa aggiungerebbe semplicemente la tassa all'affitto di Bianchi (negli USA l'affittuario paga la tassa sulla casa praticamente sempre), e il tuo calcolo sarebbe praticamente lo stesso.
Non ho detto che la tassa sulla casa e' SEMPRE regressiva, ho detto che se non ci sono waiver, per esempio, per la disoccupazione, lo diventa. Non ho nulla contro a un'addendo sulla tassa sul reddito ai proprietari di case, per esempio (il reddito ovviamente include anche gli affitti)

anche molto confuso su come funzioni negli USA. 

Ma sei perdonato, non vivi negli USA, ma a NYC. A Manhattan probabilmente, che poco ha a che fare con USA ...

Ma in ogni caso, prova ad informarti su come funzionano i finanziamenti delle scuole pubbliche nella città dove vivi. Poi ne riparliamo.  

Ah, per quanto riguarda la "regressività" delle imposte, informati anche su quella. Oppure dacci una definizione che possiamo poi verificare sui dati. 

Ma va...

Lun 20/10/2015 - 22:35

http://www.pbs.org/wnet/wherewestand/reports/finance/how-do-we-fund-our-...

But on a local level, these funds usually come from property taxes, which are set by the school board, local officials or citizens. It’s this system that causes the most dramatic differences between states, and even within districts. Depending on the property wealth of a community, its schools might boast gleaming buildings and equipment, or they might be dilapidated – struggling with the burden of outdated equipment and unpaid bills.

-------------------------------------

E vero che a New York (la citta, non Westchester o il NJ) le cose funzionano in modo diverso. Comunque la ragione per la quale i NewYorkesi hanno eletto DiBlasio e che lui sembrava aver capito che questo tipo di problematiche esiste e va risolto.

Voi, anche se l'anno scorso Ferguson vi ha fatto diventare famosi in tutto il mondo, ancora no.

Yup

michele boldrin 21/10/2015 - 05:01

You're right. Stick to physics, it's better. Hugs.