Titolo

Mio nonno fava i mattoni ...

3 commenti (espandi tutti)

E cioè: la proprietà dell'abitazione, e più esattamente la proprietà di una determinata abitazione, è un indicatore attendibile della capacità contributiva del cittadino?

è una imposta sul patrimonio, come l'accisa sulla benzina è un'imposta sui consumi. In ambedue i casi colpisce una decisione individuale (possedere quella casa, andare in macchina) che può essere svincolata dal reddito. Uno può essere ricco, risiedere in un monolocale non avere una macchina e usare il suo reddito per passare il 90% del suo tempo in alberghi di lusso in tutto il mondo. Un altro può avere un reddito modesto ma amare follemente guidare e consumare moltissima benzina.  L'unica tassa necessariamente progressiva è l'imposta sul reddito.

Da solo no ma questo vale anche per altri indicatori. Il reddito da solo non basta. Due persone possono avere lo stesso reddito ma uno ha 20'000 in banca, l'altro ha due milioni. Dovrebbe risultare chiaro che la progettualità della vita del secondo, per esempio la possibilità di far fronte ad imprevisti e/o perdite di reddito, è ben diversa dal primo caso. Solitamente gli indicatori di capacità contributiva sono reddito, capitale, consumo. Ogni stato ha il suo mix di tassazione.