Titolo

La Grecia e l'architettura degli organismi internazionali

1 commento (espandi tutti)

I greci sono stati messi di fronte a una strana scelta: avere il miele che sgorga dai rubinetti (a chiacchere) o bere l'amaro calice (che già stavano bevendo), ovvio che è un no brain: hanno scelto il miele dai rubinetti.
Pensare che un elettore medio greco sia meglio di un elettore medio italiano (che vota PD,M5S e FI, ovvero tre partiti statalisti) o francese (che ha votato Hollande) è una pia illusione: quello perde il lavoro e gli si dice "è colpa dell'Europa, che fosse per noi si mangerebbe e berrebbe gratis" cosa può fare ? Quli strumenti cognitivi ha per capire che non è così ? Quindi per me la Grecia farà default solo perchè lelettore medio greco ha premiato l'ennesimo venditore di fumo, ma non aveva alternative (forse).
Il problema, evidenziato anche da Alberto, è la mancanza di una cornice: quando la Grecia finirà di fare il salto nel vuoto cosa succede ? Se fosse vero che la UE vuole svolgere una moral suasion non ha altro da fare che dire pubblicamente "se la Grecia il 30 Giugno farà default non c'è alternativa alla sua uscita dall'Euro e dall'Unione Europea, come previsto dai trattati, l'uscita dalla UE però potrebbe non essere automatica, ma soggetta a trattativa" , l'ultima parte giusto per non essere cattivi.
Allo stesso tempo per tacitare quelli come Stglitz e altri che dicono "si tratta di aiutare un popolo", confondendo carità con stupidità si può dire: "Al momento non chiediamo la immediata restituzione dei 400 mld che la Grecia deve ai cittadini europei, come segno di solidarietà, ma attenderemo un anno per fare in modo che la Grecia DA SOLA esca dalla crisi, visto che non ha accettato le nostre richieste.
Giusto per far capire che già ci abbiamo rimesso 400 mld di €, che non sono bruscolini....