Titolo

The Keynesian Illusion

2 commenti (espandi tutti)

Ma se leggi bene non ho negato il problema ambientale, e nemmeno ho detto che la questione filosofica non vada discussa. Semplicemente ho suggerito di non usare la questione filosofica per fare giochetti retorici "delle tre carte". In particolare hai mischiato la questione ambientale con cose ridicole: tipo addossare agli altri il desiderio che piu' gente si spacchi la schiena 60 ore a settimana quasi si volesse imporre il dovere morale di possedere la seconda casa e la Ferrari in nome del Pil. Cosa che non solo qui nessuno vuole, ma che nemmeno accade nella realta'. Punto.

Riguardo alla questione ambientale ti faccio notare un po' di cose: intanto non sono tutti orbi come pensi, e tutta la ricerca che si sta facendo in campo dell'efficientamento energetico e del riciclo da 40 anni a questa parte lo dimostra. Poi la crescita non implica necessariamente un aumento del consumo di materie prime e risorse, pensare allo sviluppo del settore dei servizi, in particolare dei servizi alla persona, e poi andare a vedere l'andamento delle emissioni di CO2 (o piu' in generale dei consumi di energia in kg di petrolio equivalente) per capita e per 1000 USD PPP dei paesi avanzati dal dopoguerra ad oggi.

E nota che e' razionalmente impossibile intavolare una discussione seria se quelle son le premesse. Se la discussione seria e' quella che cerchi meglio dare una bella sforbiciata alla retorica, altrimenti qualsiasi discussione sulla sostenibilita' ambientale e sulle virtu' della vita frugale, per quanto possa partire da premesse condivisibili, finisce in fuffa.

Per chiudere: che diavolo centrava tutto questo con l'argomento trattato nell'articolo? Era proprio necessario buttare tutto nel ventilatore?

detto schietto

beppyz 31/3/2015 - 10:01

l'economia si presta alla retorica, l'articolo qui sopra non è altro che un esempio di questo... si tratta di "una materia" dove non esiste la controprova ed è soggetta a speculazioni di qualsiasi tipo (in questo articolo si mette in dubbio l'efficacia delle politiche keynesiane che di fatto han fatto uscire dalla crisi del '29 e in modalità 2.0 han fatto uscire da questa), non è una battuta lontana dal vero quella secondo la quale la risposta tipica e corretta di un economista dovrebbe essere "dipende da"...

sono spesso additato di essere un troll in questo blog di menti sopraffini, devo ammettere che non è lontano dalla realtà questo appellativo... in un blog dove si decantano principalmente le virtù del modello economico liberale vs qualsiasi altra filosofia economica son quello che fa presente che ci son molti temi da trattare (vedi questione ambientale e sostenibilità che nel pensiero liberale per ora non mi pare abbiano ancora del tutto attecchito) che son a mio parere (ma è probabile che mi sbagli) molto più rilevanti di "i keynesiani non capiscono niente perché...", "la scuola austriaca è una fuffa perché...", "il socialismo ha fallito perché..." e via dicendo

fai giustamente notare che non son l'unico ad avere interesse sui temi di sostenibilità e ambiente (mi pare ci fosse un candidato alla presidenza degli usa con le stesse idee e mi risulta anche che recentemente a montreal sia stata presa la decisione di monitorare e ridurre le emissioni di CO2 in modo radicale), ma se son temi così nuovi e interessanti come mai non ho visto mai un articolo che ne parli in questo blog? (e non lo seguo da un paio di mesi...), eppure son questioni che da un punto di vista di impatti economici ne hanno non pochi...

p.s. l'esempio della ferrari, della seconda casa e delle 60 ore (so bene che se ne lavoran molte di meno già da un bel po' di anni) erano ovviamente delle iperboli, avendo tirato in ballo la diversa classificazione di bisogni che un uomo deve soddisfare ho nominato i primi beni che mi son venuti in mente per ridondanza tecnologica e sperpero di risorse (una autovettura fuoriserie ed una casa sulla riva del lago). in realtà si può applicare lo stesso concetto agli smartphone e 1000 altre diavolerie per le quali è valido l'effetto "appartenenza" ad un determinato gruppo sociale "di successo". questo meccanismo innesca la domanda di questi beni etcetc il resto della storia penso sia noto