Titolo

The Keynesian Illusion

11 commenti (espandi tutti)

si certo, in equilibrio quantity demanded equals quantity supplied a prescindere se e' la curva di domanda che arretra o la curva di offerta. Ho capito che nell'esempio ridotto all'osso se uno non accetta uno scambio, non voler piu' comprare un tatuaggio equivale a non voler piu' vendere un taglio di capelli. E' la stessa cosa.

Pero' credo che la differenza tra shock di domanda e di offerta dipenda anche dal lag tra produzione e vendita. Ieri ho costruito telefoni (o case) per venderli la mattina dopo. Se oggi non c'e' la domanda che mi aspettavo rimango con un inventory di telefoni invenduti. Se invece e' un tornado a portarmi via il magazzino di telefoni il mercato rimane a bocca asciutta lo stesso, ma e' diverso. E' diverso perche' la politica keynesiana e' intesa come uno stimolo artificiale della domanda per comprare i telefoni invenduti. Vi abbasso l'IVA  cosi' comprate i telefoni invenduti ora. Se i telefoni sono stati spazzati via dal vento lo stesso tipo di stimolo avrebbe solo un impatto nominale, ma non reale. E naturalmente e' solo un rattoppo temporaneo, mica una ricetta per far crescere l'economia  

Questo e' un punto interessante, so given the sadness most other comments inspire, let me debate it a bit. 

It is not only in equilibrium that it is hard to conceptually separate "demand" from "supply" shocks. It is true in general, as my examples show, that shocks to this or other agent in the economy almost always have an impact on both what people call "demand" and what they call "supply". This is because of a deep link that passes through the individual budget constraint : your income/wealth comes from your ability to sell (i.e. SUPPLY) something to the market and this is the same thing (the income/wealth) that makes you able to absorb (i.e. DEMAND) stuff from the market. In other words, I would be ready to claim that any change in the demand of something is also a change in the supply of something else, and viceversa.

Which, by the way, is the general theoretical principle that makes "keynesianism" incoherent and that DKL has tried to clarify with his example.

Consider your example, now. What we have here is

- EITHER a forecast error (the firm producing the cells made silly optimistic predictions about the demand for its particular product and now is in troubles: this, and its opposite, happens all the times in market economies and it does NOT require ANY public intervention);

- OR (1) a shift of demand away from one class of products (cells) and toward another class of products (say investment in southern Brazil);

- OR (2) some kind of negative shock to the entire economic system (an increase in general taxation, the explosion of some financial bubble, an earthquake, declaration of war, a collapse of the electric system, the unexpected failure of a group of large banks, and so on and so forth) that, by making everyone poorer than before had lead to a reduction in the desire/ability to purchase cellulars and many other things.

It is easy to notice that - apart for the random forecast errors (even believers in rational expectations assume people make mistakes and only avoid the systematic ones) who are  the bread and butter of a market economy - all other cases, again, are both shocks to demand of something and supply of something else. There is, in my view, no theoretical way out.

Which is why David, in his pamphlet, kindly suggest to the Keynesians to think harder about coordination failures and expectations-driven multiple equilibria. Because THAT is, at least, a coherent way to think about market failures and some notion of "involuntary unemployment" where some kind of government intervention (albeit not necessarily in the form of "spend and issue debt") could make sense. But the burden of the proof, theoretical and historical, is on the Keynesians, not on us. 

On the demand of something changing the supply of something else, this is certainly true in a general equilibrium setting, but you can still point out the difference between a demand and a supply shock. The economy is full of intermediate interactions, with intermediate goods flowing through an input-output matrix in a sequence of your-supply-is-my-demand. But at the end, at the aggregate level, you can single out final consumption on the demand side, and value added on the supply side. Of course, even at this stage final consumption by households depends on their income, which is affected by labor demand. However value added depends on other factors of productions as well.

So, for instance, when OPEC imposed an oil embargo in the 70s, the input of a natural resource in the production function fell. Output then falls in real terms. Is that a demand shock, because labor demand falls as a consequence? No, it is an adverse supply shock, and in this case a Keynesian expansionary policy would be useless. It would just create inflation and have no effect on real output.

But we cannot say the same when facing a demand shock, that is when inventories are there but private demand is missing for whatever reason. Perhaps due to justified excess savings, but still. If I bring to the market 10 bananas and I sell only 5, real GDP is 5 bananas. If the government buys the other 5 bananas in exchange of IOUs, real GDP jumps to 10 bananas. It might be unjust, inefficient, uncalled for, but when facing a demand shock it can potentially bring real GDP back up (provided I have excess inventory of bananas). With a supply shock (I lost 5 of the 10 bananas on my way to the market) there is no way you can bring real GDP back up to 10, no matter how many IOUs you print.

In conclusion, I personally doubt that even when facing a demand shock, a government stimulus plan can be effective in practice, but in theory it can. That's why I think when Levine used a supply shock example to debunk Keynesian policies, he was barking up the wrong tree.

after writing down my thinking, I am now having some second thoughts about some portions. I will leave it and sleep on it

I agree

michele boldrin 29/3/2015 - 05:57

So let's take time to think about it. In particular

- do not confuse national income accounting conventions with "behavior": VA is the effect of "demand" (of factors) as much as C+I is "supply" (of goods) ... and they are always equal because of the individual budget constraints.

- when demand for a good goes down respect to expectations this may be due to MANY things: wrong expectations, wealth shock, a shock to productivity, a change in tastes, a change in relative prices ... and so on.  

A me non e' chiaro da dove vengono I 5 che il governo spende per comprarsi le banane. Sono maggiori tasse? In tal caso la domanda verra' ridotta da qualche altra parte e il gdp complessivo non cresce, no?
O sono soldi stampati? Ma in questo caso non si genera inflazione, che mi sembra funzionare come una tassa implicita?
Magari non ho capito e sono domande stupide.

si, puoi interpretarla in diverse maniere. IOU's sarebbero in pratica bonds, ma puoi anche interpretarli come moneta. A prescindere c'e' un tradeoff, aumenti G oggi, indebitandoti. Il deficit va su, e quindi il risparmio pubblico cala, e di conseguenza il risparmio nazionale (pubblico piu' privato) cala. In sostanza se il calo di domanda per le banane e' sceso per colpa di meno C e piu' risparmio privato, compensi artificialmente con risparmio pubblico negativo. Ovviamente c'e' un tradeoff intertemporale e non vuol dire che conviene, ma nell'immediato puoi aumentare il Pil reale (non nominale) se questo potenziale c'era (le banane extra in inventory)

Ci provo da profano, non vorrei siano banalità.

Sostanzialmente invece che distinguere tra shock di domanda e shock di offerta si potrebbe tranquillamente riunire entrambi in un più generico "shock di informazione"? Ossia quando le parti in gioco non riescono a passarsi per tempo/completamente le info su cosa fare in cambio di cosa, man mano che passa il tempo e mutano le condizioni interne e esterne... (Motivo per cui c'è chi in passato ha provato a risolvere il problema pianificando tutto mentre le economie più moderne ci provano potenziando formazione, servizi al lavoro e welfare).
Quindi, sotto questo punto di vista l'idea/speranza che sta alla base del pensiero keynesiano sarebbe che le iniezioni di liquidità possano assolvere o per lo meno coadiuvare la funzione di far circolare tra le parti (o al limite distorcere positivamente) le informazioni utili.

Provo a spiegare meglio con un modello semplificato rispetto a quello tizio dei telefoni/paninaro/parrucchiere/tatuatore.
Facciamo che ci siano A e B: A produce vino che scambia per mezzo di denaro con B che produce magliette. Tutto funziona alla perfezione finché B non diventa astemio: A non ha più a chi vendere vino, quindi non può più comprare magliette (che ancora vuole) e B non vende. A questo punto entra in campo JMK: inietta provvisoriamente un po' di liquidità: A coi soldi in mano va da B, ci compra la maglietta e B con la maggiore liquidità in mano va sul mercato dicendo di volere, chessò, un contratto di fornitura e manutenzione di sedie impagliate, al ché A si alza in piedi esclamando "Hey! Io so impagliare sedie, finalmente ho un nuovo lavoro!", JMK furtivamente smette di iniettare liquidità avendo raggiunto lo scopo avendo spostato il tutto dall'equilibrio "vino-magliette" a quello "sedie-magliette". Il punto chiave è che le ipotesi sotto cui la cosa potrebbe funzionare sono in realtà abbastanza forti, in particolare quella per cui A debba avere l'informazione di cosa B voglia (in un modello a 2 è banale, in un modello a 60 milioni un po' meno) e soprattutto che lo sappia fare.

Altrimenti, rilassando le ipotesi: B coi soldi in mano invece che chiedere sedie impagliate (che guardacaso A sa fare) chiede altro, toh, un ballerino-canterino per allietare le sue serate, al che A non può far più nulla non sapendo né ballare né cantare. Siamo al punto di partenza, abbiamo avuto un incremento di liquidità in circolazione a cui non è corrisposto un aumento di produzione. E si può andare avanti ad iniettare all'infinito, ma A continuerà a non saper fare quello che serve per avere in cambio le magliette (e magari a non saper nemmeno cosa serva fare) e B non ha nessuno con cui scambiare quello che sa fare (magliette) con quello che vorrebbe (ballerino-canterino). Quindi per chiudere, tolte le ipotesi più forti di prima si ha che lo stimolo keynesiano fallisce. Ah, ovviamente a questo punto spero che nessuno proponga di continuare a fare iniezioni fini a sé stesse, che avere B che produca all'infinito magliette in cambio di carta che non può usare né funziona né è desiderabile.

Notare poi che nel primo caso, quello delle sedie impagliate, l'iniezione di liquidità non sarebbe stata nemmeno necessaria, bastava che A e B si sedessero insieme allo stesso tavolo e discutendo di cosa vogliono e di cosa possono fare, trovando l'accordo più soddisfacente per entrambi. Accordo che può essrere quello sopra o qualsiasi altro, chessò, può essere che B decide che gli piace la vita frugale e quindi di non produrre più magliette "uscendo dal mercato" lasciando che sia A ad autoprodursele; oppure di mettersi in società e smezzarsi il lavoro etc.. Comunque sta, che nella complessità della società (come detto prima, in un modello a 2 è banale il passaggio di info, in uno in scala 1:1 no) JMK abbia visto nelle "iniezioni di liquidità" un catalizzatore/surrogato della "macchina trasmettitrice di informazioni". Quanto poi questo funzioni sta appunto su quanto le ipotesi implicite siano aderenti alla situazione reale.

Grossomodo questo è quanto ho capito.

quasi

lodovico pizzati 28/3/2015 - 19:16

Quando B diventa astemio, JMK deve berselo lui il vino, o perlomeno comprarlo per darlo ai poveri, se no nel tuo modello il Pil reale cala comunque. In questo caso, il cambio di preferenze e' permanente (B e' astemio per sempre), e A e B poi ritornano a produrre-commerciare senza bisogno di nessun intervento. Il Pil fa vino-magliette (periodo 1, pre shock), zero (periodo 2, B astemio, si blocca tutto), sedie-magliette (periodo 3, B si inventa un nuovo lavoro per scambiare beni con A). Se fai un intervento nel periodo 2, comprando vino che c'era gia' dato che A non sapeva che quell'altro smetteva di bere, puoi mantenere il Pil a vino-magliette. Pero' hai creato IOU's e se vuoi far tornare i conti, nel periodo 3 devi pagare i debiti, diciamo con una tassa, e percio' rimani fregato dopo anziche' oggi. Insomma, there is no free lunch, ma puoi diluire lo shock di oggi in piu' periodi futuri. E' come una carta di credito.

Sì, ho semplificato molto per:
a) non contorcere troppo lo schema;
b) provare a mettermi nella condizione più pro-Keynes possibile, appunto per vedere quanto bisogna tirare le ipotesi affinché la cosa possa avere senso. E quindi ho ragionato per singoli punti di equilibrio. Ovviamente oltre a quello che hai notato in mezzo ci sta tutta la dinamica a complicare le cose. Esempio al volo: chi ci dice che A coi soldi in mano, trovi preferibile prendere la maglietta e poi mettersi ad impagliare sedie? Bisognerebbe passargli l'info che l'iniezione non si ripeterà per cui gli conviene mettersi alla ricerca di un nuovo lavoro alla svelta, ma con questa info potrebbe invece decidere di non comprare più la maglietta in vista dell'incertezza futura etc etc. E la cosa va a ramengo anche nel caso delle sedie impagliate.

Quindi nel mio modello quale diavoleria succeda tra i periodi è lasciata alla fantasia del lettore :) . Tra le altre, domanda: non si può ammettere che JMK possa immettere denaro e basta, lasciando che voli un po' l'inflazione?
O comunque, magari si può pensare che (l'informazione "B è astemio" può passare dopo l'avvenuta produzione di vino ma anche prima) JMK sia abbastanza svelto affinché il cambio di produzione avvenga tutto nel periodo 2 senza sconquassi (A sapendo subito di B astemio non produce vino, prende i soldi di JMK, compra la maglia, B ingagliardito dalla maggiore liquidità rivela quello che altrimenti non avrebbe rivelato, ossia che vuole sedie, A lo viene a sapere, produce le sedie e si chiude il cerchio, tutto in 2), per poi ritirare la liquidità addizionale al periodo 3 (non so, penso sia questa la "magia" che fa brillare gli occhi ai suoi seguaci più accaniti).
Oppure al periodo 2 può sempre metterli allegramente a scavar buche facendo sempre il giochetto di distribuire e ritirare  denaro una volta ristabilito un equilibrio (il Pil nominale rimane a livello, la schiena di A e B meno, però che importa...? scherzo eh).
O che qualcuno nel periodo 2 sgobbi il doppio (e il vino in più può anche finire alle piante, che è l'equivalente di scavar buche)... Ah, ovviamente non sto dicendo che queste soluzioni mi piacciano.

Poi, visto che ci siamo, si può anche immaginare lo scenario perverso per cui JMK dà denaro ad A che compra la maglietta a B che viene tassato di quel denaro che viene rigirato ad A e via così... però questa è perversione pura, lo ammetto :D

nell mondo (economico) che immagina Boldrin/Levine ogni "agente economico" che vuole comprare o vendere qualcosa deve rispettare il suo vincolo di budget e così aggregandoli poi hai la domanda e offerta nei vari mercati dei beni e servizi per cui "OGNI VARIAZIONE DI DOMANDA E' ANCHE UNA VARIAZIONE DI OFFERTA" (cito)

.... your income/wealth comes from your ability to sell (i.e. SUPPLY) something to the market and this is the same thing (the income/wealth) that makes you able to absorb (i.e. DEMAND) stuff from the market. In other words, I would be ready to claim that any change in the demand of something is also a change in the supply of something else, and viceversa.

Di conseguenza, gli unici casi in cui i mercati non tornano ad equilibrarsi (dandogli tempo...e tenendo presente vischiosità varie) e quindi in cui occorre che lo stato intervenga con deficit keynesiani ecc... sono al massimo casi particolari e sempre temporanei di "mancato coordinamento" o di "aspettative distorte" 

Ok, non viviamo in questo tipo di mondo, viviamo in un economia monetaria in cui hai 100 mila (n) mercati di beni e servizi in cui si scambiano sempre denaro da una parte e gli altri n beni e servizi dall'altra. In ognuno ci può essere un eccesso di domanda(offerta) del bene non monetario e un eccesso di domanda(offerta) di denaro e sommando l'eccesso di offerta ad es dei n-1 beni e servizi deve essere pari all'eccesso di domanda di denaro.

In un economia monetaria hai in pratica due cose che si scambiano, (beni e servizi  contro denaro) e 2(n-1) eccessi di domanda (offerta). Questo vale anche nel caso di soli 4 agenti descritto da Levine.

Il commento di Boldrin per cui "Levine ipotizza commodity money"  sembra un scherzo, equivale a dire che il suo discorso non ha nessuna rilevanza, che si applica a qualche altra economia di un altro secolo o continente e non al XX secolo e a Keynes. Se scrivi un pezzo lungo lungo e poi si scopre che l'unico "mini-modello" che fornisci non prevede l'uso del denaro a che serve allora ?

Se lasci fuori il denaro non spieghi più niente. La disoccupazione cronica e la depressione economica si spiegano con il fatto che un singolo individuo, soggetto ai vincoli di bilancio....certo.. se ha un eccesso di domanda di denaro può ottenerne di più comprando meno di altri beni, anche quando non può ottenerne di più vendendo di più dei propri servizi o beni. Ovviamente questo è impossibile in aggregato, i tentativi dei singoli individui di avere più denaro ("medium of exchange", money...) collettivamente significano un eccesso di offerta di beni e servizi. Cioè una crisi, depressione, disoccupazione...

Se come Levine e come fate voi fingete che esista un economia (un modello di un economia...) senza denaro da una parte e beni e servizi dall'altra finite per credere appunto nell'austerità...che è una forma rozza di "vincoli di bilancio" degli individui che si assume valgano per l'intera economia.

L'ultimo pezzo del puzzle è che ovviamente il denaro viene creato e creato dal niente da banche centrali e da banche commerciali nell'economia moderna, ma non vorrei mettere troppa carne al fuoco tutto in un colpo....

(però ecco, sarebbe bello che ogni tanto qualche sospetto sul fatto che vi possa oggi un eccesso di domanda di denaro o una scarsità di offerta di denaro in Italia....Ad esempio questa cosa delle banche centrali che creano 11mila miliardi di denaro dal niente ("base money"...sicuro) e ora persino la BCE 1,100 mld, tutti creati dal niente.... come quadra con vincoli di bilancio individuali di Boldrin per cui "ogni variazione di domanda è una variaz di offerta ?)