Titolo

La lettera tragicomica del governo greco

1 commento (espandi tutti)

Interessi

Vincenzo Pinto 22/3/2015 - 16:05

Corrado (qui non si usa dare del lei), i titoli di stato sono emessi prevalentemente a tasso fisso (i CCT sono un'eccezione nel panorama mondiale). Come ho scritto all'inizio, c'è sicuramente una serie di ipotesi per cui gli interessi crescono come l'inflazione, ma è un accidente di quella serie di ipotesi non una caratteristica strutturale del debito. Se vuoi ti costruisco una serie di ipotesi con cui il debito cresce di sqrt(2) ogni anno o il numero che preferisci! L'esempio che fai funziona ad esempio in un  caso molto particolare in cui tutto il debito scade ogni anno, il rischio credito è nullo, il tasso annuale reale privo di rischio è zero e l'avanzo primario è zero, per cui ogni anno il debito è pari allo stock più un flusso di interessi (ripagati a debito) uguali esattamente all'inflazione annua, che tra l'altro è pure costante (i titoli sono emessi ad un tasso che rappresenta l'inflazione attesa non quella realizzata). Prendi invece un caso un po piu vicino alla realtà e rappresenta il debito come un bond a scadenza di 7 anni, se hai 1000 miliardi di outstanding ad un tasso del 2% (NOMINALE) e un'inflazione realizzata del 5%, il debito in termini reali sarà dopo 7 anni pari a meno di 800 miliardi.