Titolo

La lettera tragicomica del governo greco

1 commento (espandi tutti)

Allegoricamente/metaforicamente

"Les republiques qui se sont maintenuës en un estat reglé et bien policé, comme la Cretense ou Lacedemonienne, elles n'ont pas faict grand compte d'orateurs." "l'eloquence a fleury le plus à Rome lors que les affaires ont esté en plus mauvais estat, et que l'orage des guerres civiles les agitoit" (Montaigne, Essais I, 51, p.292 s).

In 'codice binari0': Maxwell vs. Antani/Conte Mascetti o affabulatori. Mi pare evidente. Lei davvero chiede al Dott. Brighella di commentare cosa? Provi a farsi un tour nel Peloponneso,   magari in automobile, (ma anche solo ad, andare, neppure mutatis  mutandis, ad RC in automobile, oppure a Cortina d'Ampezzo, dove e' mancata l'energia elettrica). Le ricordo, poi, quanto dichiarato da responsabili del sistema ferroviario Greco su numero ed efficienza del relativo servizio di trasporti (non parliamo di KPIs..). Il tema, in breve, e' ben diverso, ed e' affrontato ad altro (ed Alto) livello in altra sede (cfr. Zingales, Bruegel think tank, ma anche Spinelli, Amartya Kumar Sen, taluni amici Francesi MIT etc.)

In addition to this, si chieda anche dove insegnano (e perche') e quanto siano bravi i Professori che pubblicano qui. Personalmente, ho amici di origine Italiana che insegnano ad HEC, Oxford, altre localita' tutte proprio nei pressi del Rubicone...Why?

Fuor di metafora, il percorso e' arduo, e non ci si puo' rivolgere a Professionisti con la Capital P con il termine 'cantonata'. Personalmente, ho gia' scritto quello che penso sulla Grecia (ossia che sia stato un errore farla entrare), ma considero un bene in se' talune delle cose che dovrebbero essere fatte per dare spazio ai bravi ed ai talenti contro il rent-seeking e le barriere all'ingresso.

'onesta' intellettuale'....Si legga il CV del Dott. Brighella...