Titolo

"Anno I E.R."?

5 commenti (espandi tutti)

Non se la prenda Giovanni, che intanto sa gia' come la penso.

Certo che fra stare a fare il tifo per un pagliaccio di questa fatta

http://www.corriere.it/politica/15_febbraio_18/renzi-italia-paese-manifa...

e raccogliere francobolli, meglio la seconda.

Purtroppo l'antica regola "Montanelli" di turarsi comunque il naso ed appoggiare il meno indecente dei candidati a far da capo ha portato l'Italia la' dove sta ora.

Ma, ovviamente, e' colpa del popolo bue che non s'inventa da solo un "Cavour" (per citare l'eroe di Giovanni) e non invece dei potenziali "Cavour" che, per antica cultura signorile, preferiscono servire il capitano di ventura di turno ... storia antica delle borghesie italiche :)

 è un popolo di individui razionali che pensano al proprio interesse personale immediato piuttosto che lasciarsi guidare verso il sol dell'avvenire da noi intellettuali illuminati.  Comunque, se vuoi fondare un partito ....

una èlite in gran parte un po' servile e un po' ignava (Boldrin) e un popolo di cortissime vedute (Federico); le due cose sono forse anche interdipendenti.

Se così stanno le cose, e  uno si è già impegnato a fare il possibile (come Boldrin e immagino anche Federico), può anche ragionevolmente "fare il tifo" per il meno peggio, qualora faccia un po' di differenza.

stavolta qui

palma 22/2/2015 - 21:10

bisogna stare con la razionalita', ai lumi ci pensano le maester che fan leggere franco venturi (se si usa ancora..) se solo se e quando gli italiani cambino idea, si (prova a) far la frenata del declino.

Quelc he mi sembra non proponibile e; dire seriamente che vi siano fenomeni di coercizione grave o persino di illusioni cognitive, in gergo da gesu' cristo, padre perdonali, anche se sanno benissimo quel che fanno

Tifo?

Vincenzo Pinto 18/2/2015 - 21:54

Mi rivedo abbastanza nelle ultime posizioni di Giovanni. Non "tifo" Renzi, è una soluzione di Nth best, se alle elezioni ci sarà un partito con un'offerta politica migliore lo voterò ma (1) credo fare politica voglia dire anche fare discorsi come quello che hai linkato, anzi direi che tra tante cagate fatte da questo governo (tipo il nuovo regime dei minimi e il non toccare le pensioni) hai preso una cosa marginale. Un po' di spirito nazionalistico alla gente piace, e dire che lagnarsi non risolve i problemi mi pare condivisibile; (2) un tentativo di creare una roba nuova è stato fatto ma non è piaciuto, per incapacità nostre, sfortuna, scarso appeal, varie e eventuali. Io dall'esperienza di FARE ho capito che fare politica è un lavoro per il quale non ci si improvvisa, costruire consenso richiede pazienza, tempo e volontà di accettare compromessi. Se fossi in Italia credo mi interesserei alla vita politica del mio comune cercando di fare cose concrete magari cercando di radunare qualce orfano di FARE, stando all'estero faccio semplicemente altro. (3) Finché Renzi mi darà l'impressione di poter fare qualcosa di marginalmente positivo mi auguro che lo faccia, conscio che l'alternativa (Grillo? SB+Salvini?) farebbe danni ben peggiori.