Titolo

Tutti monopolisti, tutti fottuti: una parabola italiana

1 commento (espandi tutti)

lo Stato ha immaginato che ci possono essere manipolazioni e ha previsto delle norme di trasparenza. Recentemente ha anche tenuto conto di internet. Specificamente negli ultimi anni, la legge 190/2012 (art. 1, co. 19) (legge anticorruzione) prevede speciali misure di pubblicità dei concorsi proprio a fini anticorruzione, in particolare la pubblicazione sul sito internet dell'ente.  Successivamente il Dlg. n. 33/2013 (art. 19) ha ribadito che oltre alla pubblicazione tempestiva del bando di concorso (e tutta un'altra serie di info), queste informazioni debbano essere facilmente reperibili anche con motori di ricerca (artt. 6-8)  non solo perché il sole è il miglior disinfettante, ma anche perché troppa luce può essere accecante.

Come per l'evasione fiscale, però, non è possibile avere comportamenti all'americana, senza avere anche sanzioni all'americana.