Titolo

Tutti monopolisti, tutti fottuti: una parabola italiana

1 commento (espandi tutti)

avessi anche deciso di rischiare di morire sotto le macerie perché qualcuno me lo dovrebbe impedire? E possiamo poi estendere questa riflessione anche ad altri ambiti.

meglio di no. impostare la questione in questi termini conduce subito a citare il sudan, dove i regolamenti edilizi sono presumibilmente molto permissivi, e la svizzera dove dovrebbe valere il contrario.

in altri ambiti, ancor peggio: un classico ad es. delle discussioni sulla professione notarile, prevede quasi subito di accapigliarsi sulla necessità o meno della stessa, visto che negli ordinamenti anglosassoni il notaio non esiste o quasi.  sussistono invece molti ottimi argomenti tecnici a favore, che i nostri professionisti ci ricordano sempre volentieri :-). ugualmente, l'obbligo di certificare la messa a terra degli impianti elettrici ha il suo perchè.

molto più reticenti sono invece sulla estensione complessiva delle competenze riservate, sul numero chiuso della professione, sulle tariffe fissate per legge.

molti lavoretti da notai, li potrebbero fare benissimo  gli avvocati con più efficienza, e non lo dico per compiacere luciano pontiroli. il numero chiuso è inconcepibile e basta.  sul tariffario, viene invocata  a volte la difesa della dignità della professione...boh, tantissimi lavorano dignitosamente senza poter contare su una garanzia del genere.