Titolo

Tutti monopolisti, tutti fottuti: una parabola italiana

5 commenti (espandi tutti)

l'art. 33 della Costituzione prescrive un esame di Stato (che non è un concorso). Non mi sembra probabile che questa prescrizione sia abrogata, almeno nel breve/medio termine.

Ciò vuol dire che si sta discutendo del nulla, finché si parla di professioni. Il discorso dei brevetti è più importante e serio: non a caso è stato lasciato da parte.

 

Mi sembra che si confonda tra Esame di Stato e Ordini professionali. Per esercitare professioni si richiede, oltre al titolo di studio specifico, il superamento di un esame di Stato che serve per garantire che chi offre un servizio sia in grado di esercitarlo con la dovuta competenza, successivamente, secondo la Legge 879/1938, di epoca fascista, si deve essere iscritti ad un Ordine o Collegio. Non ci vedo nulla di male nell'esame di Stato quanto invece sono estremamente contrario agli Ordini Professionali (il contenuto originale mette i brividi - "Le attribuzioni relative [...]alla disciplina degli iscritti [...]degli ordinamenti per le professioni di [segue elenco ... omissis ...]sono esercitate direttamente dai Direttori dei Sindacati fascisti periferici di categoria.)

sarebbe anche possibile: ma poi bisogna valutare se le loro attribuzioni vanno demandate a libere associazioni professionali (ma quante?) o allo Stato. Di questi tempi, temo, andrebbero allo Stato: forse è meglio conservare gli Ordini.

Io lavoro in un settore altamente "protetto" in cui il "centri di assistenza" (in Italia fiscale- agricola- contributiva - lavorativa ecc.), figura ambigua con il solo scopo di creare un nuovo "oligopolio" , effettua prestazioni professionali, in particolare sui bandi pubblici [*] che escludono professionisti iscritti agli ordini (basta uno di loro che firma per tutti - capisci che materialmente è impossibile).

L'esclusione è resa possibile non da una barriera inerente le competenza ma da una serie di parametri a cui si deve sottostare . Concretamente, per prestare questo tipo di attività occorre possedere una assicurazione professionale (cosa buona e giusta ma era necessaria renderla obbligatoria?) che abbia un massimale oltre 2 milioni di euro (con un premio annuale di circa 3/4000 euro - non c'è scritto ma questi sono i costi) , sotto forma di società con un capitale minimo di € 52.000 circa, un ambito operativo che riguardi l'intera provincia (quindi se uno lavora a Roma deve garantire anche un ufficio a Fregene o a Marino...) ecc ecc ecc.

Questa è una lobby a tutti gli effetti di cui nessuno parla (CAF (Centro assistenza Fiscale, CAA - Centro assistenza agricola, Patronati, ecc.).

Ti racconto un fatto: "dice" che il famoso 730 viene compilato gratuitamente dai CAF! Mai cosa più falsa!
Andiamo con ordine: Per inviare il 730 devi rivolgerti ad un CAF ( dalle istruzioni del 730 - pagina 5 -

Il modello 730 senza sostituto precompilato va presentato direttamente all’Agenzia delle entrate ovvero a un Caf o a un professionista abilitato. Il modello 730 senza sostituto ordinario va presentato a un Caf o a un professionista abilitato. )

Sai che questo costa ad ogni persona che invia tramite i CAF (attenzione "invia" non"compila" Il CAF per compilare il 730- visto che è una prestazione aggiuntiva - si prende da un minimo di 50,00 € in su) prende 14,00 euro dallo Stato (e quindi da noi) per una cosa che possiamo fare da soli? (Come se andassi alla posta e per inviare 5/6 pagine ti chiedessero questa cifra...)

Un'altra chicca: riunione del mio ordine annuale il presidente regionale dichiara "abbiamo raggiunto un risultato importantissimo grazie alla nuova legge xx/xx fatta dall'assessore XXX (implicito richiamo a votarlo la prossima volta? ) . Da quest'anno tutte le comunicazioni per la prestazione XXX dovranno essere fatte firmate solo da noi"  Carina vero? A me veniva il vomito. Dopo quella volta non sono andato più alle riunioni perchè, dopo aver spiegato che era una cavolata gigantesca, che minava un settore già tassato oltremodo ecc ecc (non mi dilungo) mi hanno visto come un "sovversivo " dell'Ordine.

Questo è lo Stato in cui viviamo. Fatto di Ordini, Lobby ecc ecc ecc 

[*]sui bandi pubblici diciamoci la verità ,la dicitura "la documentazione dovrà essere firmata da un tecnico abilitata" è a dir poco esilarente (se non fosse per i risvolti economici, una persona in grado di fare una domanda deve poi farsi firmare il tutto da un tecnico che naturalmente prenderà solo atto di quanto scritto per poi fare il classico scaricabarile "italiota" qualora le cose vadano male)

P.S. sono costretto a non indicare il mio ordine di appartenenza perchè potrei essere soggetto a richiami o peggio a sospensioni se non a radiazioni dall'albo. W l'Italia! 

Credo che la funzione del CAF pagata 14 euro sia semplicemente di verificare che quanto dichiarato dal contribuente sia supportato da adeguata documentazione. In altri termini, lo Stato non riesce a fare da solo questi controlli e ritiene più conveniente pagare qualcuno 14 euro per farli al posto suo. Altrimenti sai quanti scontrini e altre amenità del genere verrebbero presentate in detrazione in elusione delal legge?