Titolo

Ebola e liberismo, risposta alla Presidente della Camera

8 commenti (espandi tutti)

abbiamo già discusso in maniera accanita sulla tesi di Max Weber qualche settimana fa, preferirei evitare un bis.

e quindi?

ivan_zatarra 21/11/2014 - 00:06

pensi che io tenga la contabilità di quello che tu e altri commentatori avete sciorinato nelle settimane scorse? E che quindi sia diventato argomento da non trattare più? Lo hai deciso semplicemente tu, sei stato folgorato sulla via di Damasco, ti senti incensato del particolare dono di decidere cosa va trattato o detto o cos'altro?

Preferiresti evitare il bis dici? Lo stai dicendo a quale titolo di grazia?

Dove?

Martino Piccinato 21/11/2014 - 10:40

è possibile avere un link a questa discussione o non è online?

Grazie

Quanto alla simpatica risposta del signor Zatarra: il riferimento a Max Weber in questo thread è, ovviamente, OT - come, forse, lo era anche nella discussione precedente. In ogni caso, mi sorprende che esprimere un legittimo desiderio di prevenire un bis in idem debba essere giustificato con particolari ragioni: semplicemente non me lo auguro. Poi, il signor Zatarra faccia come vuole e ci intrattenga ad libitum sull'argomento. 

Quindi per Lei un argomento, citato o meno che sia, da quel momento in poi diventa magicamente off topic, non pertinente o da escludere a priori. Un po' come dire (o pretendere) che ogni successivo riferimento a ebola e al capitalismo, dovrà essere necessariamente bandito o cassato da ogni altra discussione pubblica o da ogni altro commento trattato su o da nfa.

E sommessamente, senza spocchia e senza scomodare il latino latinorum che in tali questioni lascia il tempo che trova (Manzoni ha ragione), è un po' come pretendere che nella sua professione forense ogni citazione o riferimento a fatti precedenti, non trova diritto di "esistenza" in quelli presenti.

Con infinità e umile presenza in questo mondo fatto di bit e scorie informatiche, pongo i miei più cordiali saluti.
Zatarra

:-)

Nasissimo 21/11/2014 - 17:54

L'argomento era OT, ed è OT qui, se preso nel suo senso stretto, quello che lega "etica protestante" e "capitalismo".
Non lo era nell'altro thread, e non lo è qui, se preso nel suo senso lato, quello che si cerca sempre di schivare con mille capriole, pure ragliando come muli e facendo finta di non capire.

L'argomento "weberiano" in senso lato è quello che afferma che le etiche (e le religioni che le contengono) non sono "sovrastrutture" costruite a posteriori per giustificare i rapporti di forze determinati dalle lotte di classe, come le intendeva Marx.

Sono forze storiche attive.

E quindi nelle analisi sociologiche tutte, comprese ovviamente le analisi economiche che ne sono un sottoinsieme, le etiche, i sistemi di Valori, e le tradizioni come quella liberiana che impedisce di cremare i cadaveri (Nietzsche avrebbe detto le mentalità) in qualche modo vanno tenute da conto. 
E non per eser "moralisti", ma perché esse sono forze prime, sono cause efficienti delle le dinamiche sociali, e quindi vanno messe pure dentro i modelli e dentro le equazioni, se si vuole che questi siano consistenti. Se ci si riesce. Vedo bene che è complicato, ma rifiutarsi di farlo a priori è pura ottusità.

nessuno vi impedisce di discuterne e, se direte qualcosa che mi stimoli, magari mi unirò alla disputa. Sempre che si svolga nel rispetto degli interlocutori, cosa che i toni impiegati non garantiscono.
Buona serata.