Titolo

Uscita dall'euro, svalutazione, ripresa. Riflessioni dopo un week end di dibattiti

3 commenti (espandi tutti)

divergono molto

dragonfly 19/11/2014 - 15:02

Mi pare di capire peraltro, correggetemi se sbaglio, che il modello non tenga conto del fatto che una parte non piccola dei debiti esteri non è sotto legislazione italiana e quindi non verrebbe rinominata. Le stime divergono ma Nordvig calcola almeno 500 miliardi solo in bond (o forse addirittura 800) di cui la metà in euro.

marcodivice riporta qui panizza che , citando edlen, indica in circa il 2% del debito l'ammontare emesso sotto giurisdizione estera. cioè non più di 44 miliardi, importo che un qualunque matteorenzi sicuramente  si direbbe capace di maneggiare con facilità. come ordine di grandezza, 500 miliardi potrebbe essere il debito detenuto da soggetti esteri, che è tutt'altra cosa.

ripeto la mia perplessità: il default dell'italia, interno od esterno, parziale o totale, sul capitale o sugli interessi, è cosa di cui preoccuparsi per via dell'aspetto legale? non è che per gli importi in gioco dovrebbero interessare molto di più gli sconvolgimenti economici conseguenti?

Nordvig, giustamente, conta anche il debito privato. Che è davvero il problema dell'eurozona.

.

dragonfly 20/11/2014 - 00:13

.