Titolo

L’insostenibile pesantezza dell’euro?

6 commenti (espandi tutti)

- La sovranità nazionale si esplica in primo luogo (ma non solo) nell'avere una propria politica estera e di difesa. E lì, anche se l'Europa si definisce "Unione", di unito non c'è (quasi) niente, con l'eccezione della Ashton a cui vengono delegate questioni di politica estera di infima importanza.

- Al contrario ogni paese membro dell'UE ha mantenuto, non solo il diritto teorico di riappropriarsene un giorno, ma la pratica quotidiana della propria politica estera e di difesa. Anche qui, semmai, potremmo dire che al massimo la vera unione sono la NATO e il Patto Atlantico.

- Fatico a capire come il fare parte dell'UE sia per l'Italia un'arma contro il totalitarismo e la guerra, e come il fare parte dell'unione monetaria europea lo sia a maggior ragione: mi pare anzi che il noto deficit di democrazia che viene rimproverato alla costruzione europea sia un passo in direzione opposta. E il fatto che nel 2011 per alcuni paesi europei si sia parlato di commissariamento di fatto sia un ulteriore passo in direzione opposta. In quanto alla guerra non è certo la comune appartenenza di Italia, Francia, Austria e Slovenia all'UE a garantire la pace fra noi e loro, per fare un esempio.

- Un esempio di due democrazie che si sono fatte la guerra: Gran Bretagna e Finlandia durante la seconda guerra mondiale. Oppure, per venire ai giorni nostri, Russia e Ucraina.

Un esempio di due democrazie che si sono fatte la guerra: Gran Bretagna e Finlandia durante la seconda guerra mondiale. Oppure, per venire ai giorni nostri, Russia e Ucraina.

La Finlandia durante la seconda guerra mondiale fu invasa dall'URSS - nota democrazia.

Russia ed Ucraina non sono in guerra, e comunque sono democrazi sui generis

Interessante esercizio storico: quali sono gli esempi di due democrazie che si sono fatte guerra? L'unico che mi viene in mente e' Gran Bretagna-USA, war of 1812. 

Se conti il regno unito come democrazia (da quale anno?) qualche esempio dovrebbe spuntare :)

Siamo sicuri che nel 1812 USA e UK fossero democrazie come lo sono oggi?

Il 6 dicembre 1941 la Gran Bretagna dichiarò guerra alla Finlandia. Così fecero Canada, Nuova Zelanda e Australia (e Sudafrica). La RAF non arrivò a bombardare Helsinki solo perché era fuori dalla sua portata, ma la Gran Bretagna dette un supporto materiale ai bombardamenti ivi fatti dall'Armata Rossa, e bombardò una base navale in territorio finlandese.

La Germania nel 1940 invase la Norvegia solo per anticipare una mossa analoga da parte della Gran Bretagna. E la Norvegia mica era d'accordo a essere invasa dai britannici...

Russia e Georgia nel 2008; Russia (e repubblica autonoma di Crimea) e Ucraina nel 2014: direi che Russia, Ucraina, Crimea e Georgia sono tutte e quattro degli stati (la Crimea lo è in senso lato) democratici, ancorché magari non "democrazie mature", come si suol dire. Cosa voglia dire, nelle parole di Giovanni Federico, "democrazie sui generis" non mi è chiaro, anche se sospetto che pure l'Italia un po' lo sia.

Serbia e Kosovo sono oggi entrambe democrazie di tipo vedi sopra: oggi non riscoppia la guerra, solo perché c'è la NATO sul campo.

Prima guerra mondiale: la Germania e l'Austria-Ungheria erano monarchie costituzionali con parlamenti eletti democraticamente, eppure fecero la guerra contro altri stati democratici come Gran Bretagna, Francia, USA e Italia.

Guerra civile americana: al di là degli schiavi, gli stati confederati e quelli unionisti erano democratici (visto che tali consideri USA e GB del 1812), e decisero di andare in guerra democraticamente.

Guerra anglo-boera: vedi sopra.

Diciamo che l'essere democratici è un contrappeso in più per i governi che scelgono la via bellica, dato che eventualmente devono convincere i rispettivi popoli, ma ciò non è necessariamente una garanzia. Ad esempio nel caso della Crimea è la gente che spinge il governo russo ad agire.

Quello che si può dire è che se due stati sono democratici, capitalisti, "occidentali" e i rispettivi cittadini commerciano liberamente fra loro, allora, di solito, non hanno nessun interesse a farsi la guerra.