Titolo

Ma io tifo Renzi

11 commenti (espandi tutti)

Pare che Padoan sarà il nuovo ministro dell'economia del governo Renzi. Se non ricordo male se ne era parlato qui su NfA come di un sostenitore di una patrimoniale per abbattere il debito.

Inoltre ho letto su Phastidio quanto segue:

«Peraltro se il parametro – come ribadito lo scorso lunedì al Sole 240re dal fondatore e ceo di Algebris e consulente di Renzi, Davide Serra – è quello di consentire una riduzione del 10% dell’Irap per le aziende (che vale tra i 2 e i 3 miliardi), occorrerebbe far salire l’aliquota sulle rendite finanziarie di circa il 10 per cento. Con l’aumento di due punti percentuali ipotizzato nella legge di Stabilità si stimava in effetti un gettito non superiore ai 500 milioni. A meno che, naturalmente, non si voglia toccare il totem dei titoli di Stato che conservano un’aliquota del 12,5 per cento»

Insomma...io non ho patrimoni (anche se gente come Scalfari mi considera miliardario) ma se a questo nuovo inasprimento fiscale sul patrimonio non corrisponderà un abbassamento di Irpef o Irap la vedo dura per il futuro politico di Renzi (e per il futuro italiano tout court).

la "straordinaria", definita così perchè probabilmente l'ultimo atto della nostra economia come attualmente conosciuta, sarebbe destinata ad abbattere il debito. non potrebbe costituire un flusso per ridurre permanentemente altre imposte. è un bruscolino rispetto al big bang, però c'è anche questo.

il rincaro della "ordinaria", che già esiste da tempo, consente invece calcoli più attendibili almeno per un paio d'anni. proiezioni che danno gettito modesto, insufficente e con gran strepito dell'oca, spiumata come capita.

d.serra parla invece di rendite finanziarie. qua ci sono speranze di minori starnazzamenti, invece, ma sempre di gettiti modesti. sentire parlare ancora di ritoccare l'aliquota sugli interessi sui titoli di stato, fa sorridere noi (quasi) vecchioni. i btp erano da sempre e per legge esenti da imposte, poi dopo dura battaglia di un bertinotti o chi per lui, l'aliquota passò da zero al 12,50%. che scossa per l'economia, che benefici per il bilancio pubblico credi che ci siano stati? nulli, zero, nada perchè trattasi di partita di giro. se poi prevale la motivazione di perequarli agli altri redditi, cioè di inserirli in denuncia con aliquota progressiva, con ogni probabilità ci si troverebbe un gettito in calo.

 

provare a spender meno? è un salto nel buio, ne convengo, non è mai stato fatto.

provare a spender meno? è un salto nel buio, ne convengo, non è mai stato fatto.

Anche tu, cerca di essere ragionevole e di non fare proposte ardite :-)

Non so quale tipo di patrimoniale si prospetti, ma ci sono indizi che lo fanno pensare.

Sarà colpa mia ma proprio non ho capito Renzi dove li trova i soldi per tagliare il "cuneo fiscale", si che mi sono letto anche le sue proposte congressuali ma non ho trovato nulla (a parte sforare il 3%).

se, se, se

dragonfly 21/2/2014 - 18:57

se si realizzano severe riforme, quelle a costo finanziario zero ma a costo politico molto elevato come il diritto del lavoro, se si riducono le spese strutturalmente, magari anche di poco, se si introducono riforme politiche a favore di una certa stabilità di intenti,

una maggiore elasticità di bilancio potrebbe essere ben tollerata dal famoso mercato (di cui sono note le sviste e trascurata invece la rapidità di riflessi) che non vede l'ora di ricoprirci subito  di soldi.

mi sa che i risparmi vanno cercati nei piani alti della pubblica amministrazione, non in quellli bassi.

come prima dichiarazione, non c'è male.

sembra chiaro, le tasse sugli interessi e sul capital gain del risparmio individuale (solo su quello,delrio lo sa?) passeranno dal 20 al 22% per adeguarsi alla media europea :-)... compresi stavolta i titoli di stato italiani.

per fortuna il nostro non quantifica, non vagheggia di investimenti, riduzioni irpef e contributive, assunzioni di precari, salari di cittadinanza ecc,  ma di certo un pensierino sul tesoretto lucrato con così poca fatica,  ce l'ha.

questo tesoretto è invece quasi nullo, non puoi tassare i btp perchè poi devi pagare per lo stesso identico importo interessi più alti. sugli altri capital gain e interessi, con i tassi a zero e il listino della borsa italiana a un livello più basso di quindici anni fa, la base imponibile è poca cosa.

non solo non si incassa nulla ( il mio conticino a spanne, che non riporto per non dovermene vergognare subito,  mi darebbe qualche centinaio di milioni, nei prossimi giorni usciranno dappertutto calcoli  attendibili), ma si va cmq ad irritare la bestia.

è troppo chiedere che non si fumi, all'interno di un magazzino di fuochi d'artificio stipati a tonnellate?

Lo doveva dire a mercati aperti, a sparare bacarate di domenica sono bravi tutti ..

Beh, per quello rimane memore l'Armata Brancaberluskone...

è troppo chiedere che non si fumi, all'interno di un magazzino di fuochi d'artificio stipati a tonnellate?

Il papà di un mio caro amico per vedere se aveva montato bene la cucina a gas, che  non ci fossero fughe, provava con l'accendino vicino ai tubi. Evidentemente Del Rio è della stessa scuola :-) 

Però dichiarazioni del genere possono sì essere dimostrazioni di dilettantismo ma sicuramente non sono "voce dal sen fuggita", mi sono oramai convinto si tratti di veri e propri test.

Il membro del governo la butta lì (direttamente o tramite giornalisti amici), poi osservano la reazione dell'opinione pubblica, se è veemente allora smentiscono, dicendo di non aver mai pensato a nulla del genere, se è moderata provano a proporre una via di mezzo, se è blanda allora si procede.

Chiaro che non è così che si comporterebbero dei professionisti ma potrei scommettere che è così che fanno i nostri attuali politici.

se è veemente allora smentiscono, dicendo di non aver mai pensato a nulla del genere, se è moderata provano a proporre una via di mezzo, se è blanda allora si procede.

questo però su questioni realmente rilevanti e dolorose politicamente.

qua manca del tutto il quid, e allora non sarebbe stato molto meglio annunciare la detassazione totale dei titoli di stato?

le mie due ipotesi:

a) coazione a ripetere  schemi appresi in gioventù, per far passare il tempo. come il vegliardo che corre ancora appresso alle sottane ma che non ricorda più perchè.

b) è una cambialina  da pagare alla sinistra più tonta; siccome  questi non capiscono,  provano  a tirargli un osso con niente carne;  anche il resto del mondo però non capisce le nostre finezze e non aspetta.

copio/incollo, da repubblica del 1986.

Partita di giro: su questa parola-chiave è imperniata la difesa delle autorità monetarie dagli attacchi dei "decisionisti fiscali". Se introducessimo un' imposta su Bot e Cct - ecco il ragionamento di Goria e Ciampi - saremmo poi costretti ad elevare i loro rendimenti per impedire una fuga generalizzata dei risparmiatori. C' è però una contro-obiezione a questa tesi: è l' idea di lanciare un' ultima maxi-emissione di titoli pubblici esentasse: in previsione della futura tassazione, tutti accorreranno ad acquistare titoli di Stato, anche a rendimenti relativamente bassi. Già, ma dopo che cosa succederà? Niente paura, rispondono i paladini della tassazione: il minore interesse delle famiglie a sottoscrivere Bot e Cct sarà compensato dal meno frequente ricorso al mercato da parte del Tesoro, consentito da un adeguato allungamento di tutte le scadenze. Non più pressato dall' urgenza dei rinnovi, Goria potrà collocare ogni mese molti meno titoli, e ciò gli permetterà di contenere i rendimenti.

già, c'era goria che cercava di opporsi a sacconi, che c'è ancora. renzi era nei lupetti.