Titolo

Ma io tifo Renzi

6 commenti (espandi tutti)

Non ci sto che si mettano fatti cosi' diversi sullo stesso piano, tanto da renderli uguali/simili. La principale differenza, tanto macroscopica, e' che Berlusconi/Renzi sono politici, e ricoprivano/ricoprono cariche pubbliche.  Grillo no.  Questa differenza e' basilare e, se non la riconosciamo, la discussione e' falsata.

Poi possiamo metterci a dibattere sulle differenze tra il M5S e qualsiasi altro partito (e magari sono proprio tali differenze il motivo per cui il movimento e' stato votato in massa) ma si andrebbe off-topic.

 

detiene i diritti di immagine di un movimento politico, fa comizi, indica la linea politica attraverso il blog ed incontri ben pubblicizzati con i parlamentari, espelle parlamentari e membri di assemblee locali che prendono iniziative non in linea etc. Non è parlamentare, ma ora non lo è neanche Berlusconi.

Vedete, io sarei felicissimo se gli italiani avessero un codice morale rigidissimo, come i tedeschi o gli inglesi e quindi non votassero i politici moralmente non impeccabili. Il problema è che li votano e che quindi un numero elevato di parlamentari italiani non è moralmente impeccabile. Un numero elevato di parlamentari, impeccabili o no, segue Berlusconi e le riforme elettorali (ed a fortiori costituzionali) si fanno in parlamento con la maggioranza la più ampia possibile. Anzi con Berlusconi il PD ha fatto anche un governo. It's as simple as that.

le riforme elettorali (ed a fortiori costituzionali) si fanno in parlamento con la maggioranza la più ampia possibile.

Perché?

ciascuna maggioranza (uscente) potrebbe cambiare legge elettorale per aumentare le proprie chances o per avvelenare i pozzi - come fece il centro-destra col Porcellum.  A fortiori, per le riforme costituzionali

ciascuna maggioranza

NV 18/2/2014 - 17:49

ciascuna maggioranza (uscente) potrebbe cambiare legge elettorale per aumentare le proprie chances o per avvelenare i pozzi - come fece il centro-destra col Porcellum.

Il che è un ottimo argomento per non farci la legge elettorale insieme.

Teoria dei giochi: Pensa ad un Dilemma del Prigioniero iterato ad orizzonte infinito. La strategia ottima è tit-for-tat: cooperi al primo turno, e ai turni successivi cooperi se e solo se l'altro giocatore ha cooperato al turno precedente.

Nella politica Italiana il centro-destra ha defezionato non una ma cento volte, e il centro-sinistra è stato sempre pron(t)o a cooperare. Non sarà mica il caso di iniziare a defezionare?

A fortiori, per le riforme costituzionali

Per le riforme costituzionali serve o il referendum conservativo o la maggioranza qualificata, che puoi ottenere solo con il largo inciucio o andando alle elezioni con una legge elettorale decente e raccogliendo il consenso popolare.

Io direi che un partito che si chiama "democratico" dovrebbe preferire il referendum o il passaggio dalle elezioni invece che il largo inciucio in un parlamento eletto con una legge elettorale incostituzionale, ma evidentemente tra al PD la democrazia sta stretta:

  • Gligliottina
  • Legge elettorale scritta a porte chiuse tra due leader extra-parlamentari
  • Esecutivo ucciso fuori dal parlamento in un'assemblea interna di partito
  • Legge elettorale senza preferenze o collegi uninominali
  • "Abolizione" del Senato (in realtà trasformazione in un'assemblea non elettiva)

Sono tutte cose nella direzione di una sostanziale riduzione della partecipazione democratica, e in particolare del ruolo del parlamento, alla vita politica del paese.

Sono tutte cose nella direzione di una sostanziale riduzione della partecipazione democratica, e in particolare del ruolo del parlamento, alla vita politica del paese.

Aggiungo la riduzione dei parlamentari. Serve a facilitare il lavoro dei lobbisti? Già oggi 156 parlamentari eletti con il M5S ed i loro consulenti si sono lasciati scappare la norma liberticida, anticostituzionale e inumana che prevede il 20% di ritenuta su tutti i bonifici provenienti dall'estero, figurarsi se saranno ridotti ad una ventina da legge elettorale e dimezzamento dei parlamentari.