Titolo

Un pericoloso 2014 per il Monte dei Paschi

10 commenti (espandi tutti)

si toglierebbe ai depositanti l'assiccurazione del Fondo Interbancario di Garanzia. Il bubbone va cauterizzato con un ferro rovente e senza anestesia.

Così

Turkish 4/1/2014 - 13:30

Così da spingere i "depositanti" a scegliere con maggiore cura l'istituto cui affidare il proprio denaro?

L'abolizione del Fondo Interbancario provocherebbe un crollo immediato dei depositi e quindi degli impieghi, già in calo.  Temo che molti soldi finirebbero nel materasso - o anche in mano a ciarlatani vari. L'educazione economica degli italiani è a dir poco scarsa e credo che non più del 5% di loro sia in grado di leggere un bilancio di una banca e quindi di fare una scelta ragionevolmente informata

Concordo con Giovanni, Fabio. Pensaci: capisco il punto ma qui l'effetto sarebbe quello di una fuga generalizzata dei depositanti. L'asimmetria informativa e' troppo grande, impossibile per il depositante rappresentativo distinguere.

Quoto

Turkish 5/1/2014 - 13:37

In pieno. La mia infatti era una domanda retorica. E comunque anche per quel 5 percento (Giovanni sei stato generosissimo!) che sa leggere il bilancio di una banca le sorprese potrebbero essere dietro l'angolo. L'abolizione del fondo a mio avviso porterebbe certamente ad una "Corsa agli sportelli" con esiti catastrofici. Nel caso di specie poi il fallimento della terza (se non sbaglio) banca italiana avrebbe veramente delle conseguenze paurose...

Capisco, ma l'assicurazione sui depositi non salva i correntisti (e il resto dei cittadini anche non correntisti, vedi salvataggio banche USA e non 2008) dal pagarne comunque le conseguenze di un fallimento bancario. 
Se proprio il rischio di abolizione dell'assicurazione sarebbe tuttavia più elevato rispetto al mantenimento della medesima, allora è necessario creare determinate condizioni post-eventuali fallimenti bancari per limitare comportamenti scorretti o troppo rischiosi delle banche, come l'acquisizione di azioni da parte dei correntisti per esempio.

sarebbe disattesa se, ex post, si volesse privare i depositanti di una banca qualsiasi di quella protezione.

L'ultima volta che ho controllato il FITD operava ex post. Se è ancora così, è chiaramente distorsivo, ed andrebbe profondamente riformato.

per fortuna non fai il medico, senno poveri alcolizzati con l'epatite, poveri fumatori con tumore, poveri tossici con l'HIV.

Sarebbero "poveri" comunque, perché nessuno vorrebbe essere nei loro panni, direi. Rimanendo in ambito assicurativo se uno riporta ferite gravi in un incidente e si verifica che non indossava le cinture, i costi sanitari possono essere addebitati al paziente (in tutto o in parte) e non sono coperti dall'assicurazione.  Dove il sistema sanitario è assicurativo alcune malattie legate ad incuria personale (per esempio la carie) non sono rimborsate. E ad un'alcolizzato con il fegato compromesso dalla cirrosi, il trapianto non lo fanno se prima non smette di bere.