Titolo

Un pericoloso 2014 per il Monte dei Paschi

4 commenti (espandi tutti)

se in concreto esistente, inquina il voto dell'assemblea: se questo non raggiunge la maggioranza, una volta eliminata dal computo la partecipazione della Fondazione, non si può dire che la proprietà si sia espressa per il rinvio dell'aumento di capitale.

Per il resto è ovvio che le scelte dei managers sono basate su previsioni incerte, ma non è detto che il socio di maggioranza relativa abbia migliori informazioni sulle prospettive future della società. L'argomento vero è che gli azionisti rischiano il capitale, mentre gli amministratori rispondono solo se in colpa (nei limiti della business management rule): ma, anche così, il potere della maggioranza incontra dei limiti a tutela della minoranza e dei creditori.

Intentare una causa ? A pro di che ? Tempi lunghi, risultati incerti, banca distrutta (chi si fida che fra dieci anni una sentenza non ribalti tutto quello che è successo nel frattempo ?)
Capisco l'approccio fideistico nella "giustizia", ma pragmtaticamente non conviene a nessuno, meno che mai al management.

In Italia la giustizia su questioni economiche e' come la Clinica degli Orrori. Opera dove non serve.