Titolo

Il governo rosso-brunato. V

1 commento (espandi tutti)

Vedo che sei riapparso a trollare cretinate rosso-brune. Non so chi ti abbia riammesso e perché, de gustibus. 

Fa una cortesia: va a scrivere bugie in commento ad articoli altrui, non miei. Qui non sei benvenuto.

Non devo vincere alcun concorso simpatia e non ho tempo per dibattere con persone in malafede che raccontano bufale per conto di un'agenzia di marketing familiare con pessime relazioni internazionali che controlla un partito politico il cui personale è composto di avventurieri, sfigati e farabutti.

Se credessi alla tua buonafede direi che sei troppo ignorante per essere vero: alla luce di quello che gli esponenti governativi del tuo partito (quello che ha appena menzionato un giornalista trombato e cialtrone delle Iene a controllare la correttezza degli esami universitari o che non intende aspettare la giustizia per dichiarare colpevoli e innocenti e via elencando follie) affermare che sia "liberale e democratico" vuol dire non sapere di cosa si parla.

Siccome giri da queste parti da anni l'idea che tu sia in buonafede, concessa all'inizio, si è evaporata. Quindi o sei completamente stupido o sei in malafede. 

Affari tuoi. Semplicemente non commentare i miei articoli con idiozie e falsità. Fine.