Titolo

A New York si torna al passato

2 commenti (espandi tutti)

Curriculum DiBlasio

nr 25/11/2013 - 16:29

mi risulta difficile capire perche un impiegato comunale o di un' agenzia federale debba essere considerato meno di un impiegato nel settore privato. E non considerare lavoro un servizio svolto al pubblico mi sembra esagerato, se non insultante per chi quel lavoro lo fa.  

"Dal curriculum pubblicato sul suo sito personale, si evince che il prossimo sindaco di New York non ha mai lavorato. Finiti gli studi post-universitari, ha cominciato la classica trafila del politico professionista. Staffer (attacchino) per il famigerato sindaco Dinkins, poi all'agenzia federale dell'edilizia popolare (chiamatovi dall'attuale governatore Cuomo), quindi al provveditorato agli studi (altro organo politico, ahimè) a Brooklyn, direttore della campagna elettorale di Hillary Clinton nel 2000, per approdare infine al consiglio comunale di New York e, ultimo incarico in ordine di tempo, a quello di public advocate, una sorta di ombudsman presso il Comune."

Il datore di lavoro privato si trova a competere con altre aziende sul mercato. Pertando, per continuare a stare sul mercato, non puo' fare altro che cercare di assumere gli individui piu' capaci a disposizione. 

Il datore di lavoro pubblico non ha praticamente alcuna disciplina che lo obblighi ad assumere le persone piu' capaci. Anzi, visto che il suo successo si basa sulle relazioni con i politici, ha incentivi ad assumere persone care a questi ultimi. 

Ovviamente ci sono tutta una serie di eccezioni. Per esempio, le emazioni del pubblico che competono con i privati, che hanno vincoli simili a questi. 

Vi sono eccezioni anche tra i privati, per esempio le aziende che agiscono in regime di monopolio sancito per legge.