Titolo

A New York si torna al passato

8 commenti (espandi tutti)

Certo, e' bello che Manhattan sia piu pulita oggi di ieri. Il problema e' che viverci oggi senza essere milionari e' difficile se non impossibile, mentre, nell'era Bloomberg, il numero dei senzatetto e' aumentato a livelli mai visti prima della grande depressione:

http://talkingpointsmemo.com/cafe/let-s-face-it-bloomberg-s-legacy-is-te...

 

In queste circostanze, nel bene o nel male, il discorso di DiBlasio sulle "two cities" e' piaciuto molto di piu dell'atteggiamento di Bloomberg, che ha apertamente detto "if you cant afford it don't live here". Diblasio avra' anche conflitti di interessi, ma l'idea che i suoi conflitti di interesse superino quelli di un multimiliardario i cui investimenti privati si concentrano sulla stessa citta' che amministra e' ridicola (le Charter school, sostenute finanziariamente da una schiera di amici e colleghi di Bloomberg sono l'ultimo esempio.  ).

In quanto al Stop and Frisk, e' un'eufemismo per "se sei scuro puoi essere fermato senza motivo". Una pratica indegna di un paese civile, che finalmente verra' abolita. Semmai, ci sarebbe un discorso da fare su quanto una cosa del genere esista, piu o meno ufficialmente,in Italia.

Lun, sono genuinamente curioso: in che modo Bloomberg ha tratto profitti, o avrebbe potuto trarre profitti, dalle Charter Schools (che, se non sbaglio, erano e restano scuole pubbliche)? Qual è la fonte del conflitto di interesse?

Charter schools

Lun 22/11/2013 - 21:07

Vedi qui per esempio http://www.salon.com/2013/03/11/getting_rich_off_of_schoolchildren/ O qui http://www.alternet.org/education/who-profiting-charters-big-bucks-behin... Rispetto a questo il limitato sostegno dei sindacati a di blasio Sono bruscolini.

l'articolo di Sirota ti sembra convincente? Bloomberg finanzia le campagne pro charter school a Los Angeles perché un giorno le charter schools avranno tutte un Bloomberg terminal ... E la ragione per cui, anziché perder tempo con le charter schools che sono una minoranza, Bloomberg non fa lobbying direttamente perché tutte le scuole pubbliche in America abbiano i suoi terminal (che sarebbe molto più lucroso) è che le charter school hanno ridotti standard di controllo, come dmostra il fatto che .... pagano in modo differente gli insegnanti.  Va bene arrampicarsi sugli specchi, ma qua siamo al ridicolo ...

Comunque adesso attendo di sapere da Sirota quali oscure motivazioni hanno spinto Bloomberg a finanziare le campagne a favore di gun control. Sembra che sui siti della destra cospirativa non siano ancora riusciti a trovarle, per cui si limitano a lanciare invettive contro il ''liberal billionaire'', ma sono sicuro che un professionista come Sirota se vuole ci riesce. 

Beh, ridi se vuoi. Come si mostra qui
http://dianeravitch.net/2012/08/20/the-big-business-of-charter-schools/
numeri alla mano, le Charter sono viste come un'appetibilissima
fonte di investimento da Wall Street. Il legame di Bloomberg con questi interessi
e infinitamente piu forte di quella fra de Blasio e i sindacati.

Puoi anche fare dell'ironia sul conflitto di interesse.
Lo facevano anche da noi nel '94, quando il Bloomberg di noantri si fece
"presidente operaio" che portava metodi imprenditoriali in politica.
C'era il conflitto di interesse li e c'e anche qui.
Tale che preferisco il "politico di professione" di Blasio.

Uff

sandro brusco 23/11/2013 - 23:34

che palle sti toni cospirativi. Comunque, son contento che hai trovato almeno una forma di spesa pubblica che non ti piace.

Scusate ma avete presente cosa fa un BBG terminal? Non vedo mezza ragione per cui dovrebbe "entrare nelle scuole" che non siano specializzate in mercati finanziari, e chiunque la vede diversamente dovrebbe farsi vedere da uno bravo. Come dire che Buffett dona i soldi alle charities perche' cosi' si comprano le assicurazioni sanitarie.

Ma si sa, i kapitalisti sono perfidi... da essi bisogna sempre aspettarsi il peggio. Sono convinto che Bloomberg abbia anche una partecipazione in Luxottica -- utilizzando i suoi terminali nelle scuole, i bimbi potrebbero dover anticipare l'acquisto di occhiali :-)