Titolo

Che fine hanno fatto gli squilibri commerciali dell'area euro?

5 commenti (espandi tutti)

Il fatto è che il grafico, a rigor di logica, dovrebbe servire da supporto alla sua affermazione. Ma il grafico è fuorviante (ad es, guardando i dati istat sulla bp italiana ad agosto 2013 si vede che il saldo globale è positivo, mentre quello con la germania è negativo).

In altre parole in che modo l'affermazione "non c'è relazione di necessità tra gli avanzi commerciali di Olanda e Germania da un lato e il saldo commerciale del sud Europa dall'altro" sarebbe dimostata dal grafico ? Attenzione, io non sto dicendo che l'affermazione sia vera o falsa, sto dicendo che semplicemente dai dati e dal grafico non è possibile dedurre nessuna evidenza

 in che modo l'affermazione "non c'è relazione di necessità tra gli avanzi commerciali di Olanda e Germania da un lato e il saldo commerciale del sud Europa dall'altro" sarebbe dimostata dal grafico?

Nel seguente modo: il grafico mostra che Germania e Olanda hanno da un anno un avanzo commerciale mentre il sud Europa ha da un anno un avanzo commerciale.

Si ma non prendiamoci in giro, dal titolo dell'articolo è chiaro che la questione siano gli equilibri intra UME. Non è quindi rilevante, ripeto il saldo globale in quanto, e ripeto, i surplus tedeschi potrebbero derivare tutti dai paesi appartenti all'unione monetaria che quindi sarebbero in disavanzo con la Germania (ed il punto rilevante è questo, non il saldo globale). Questa comunque è una precisazione di tipo logico.

 

A prescindere da ciò, anche qualora i saldi siano calcolati "propriamente", presentarli senza nessun tipo di spiegazione che ne spieghi la dinamica non aiuta certo a corroborare la sua tesi. Anche perchè gli squilibri commerciali introdotti dall'euro sono assodati perfino nella letteratura mainstream. Ai fini del problema quindi è anche necessario considerare le conseguenze che gli squilibri hanno prodotto, sia dal lato dei paesi in surplus che da quello dei paesi in deficit: penso ad esempio ai saldi target2 e alle politiche deflattive suicide. Questo anche a ricordare che, se sicuramente i disavanzi esterni sono un problema più grave, anche i surplus prolungati portano a qualche problema. Questo ovviamente non significa che la Germania sia cattiva e ci "rubi" ricchezza come dicono alcuni, ma dovrebbe far riflettere sulla qualità di una classe politica che in nome di non si sa bene quale scopo ultimo ci ha condotto alla situazione attuale.

cresce ,sia che l'euro si apprezzi sia che si deprezzi

Grafico storico dei dati

http://download.repubblica.it/pdf/2012/economia/trade-balance02.pdf

 

(il grafico si riferisce all'andamento extra area euro)sia che esporti dentro l'eurozona 

 sia che esporti fuori l'eurozona

http://download.repubblica.it/pdf/2012/economia/trade-balance03.pdf

questo l'andamento della germania nei confronti dell'eurozona che continua a declinare ma a cui non corrisponde una diminuzione del saldo della bilancia commerciale

Grafico storico dei dati

risposta

giulio zanella 18/10/2013 - 10:10

La risposta e' nel post successivo.