Titolo

Guantanamo, il Giudice e la Legge

3 commenti (espandi tutti)

Sia l'articolo che i commenti mi hanno riportato alla mente alcune frasi di James Madison, che potete trovare sul sito della Constitution Society.

Le prime due sono sugli uomini di potere, a cui appartengono ovviamente tanto Obama che Scalia:

  • All men having power ought to be mistrusted.
  • The essence of Government is power; and power, lodged as it must be in human hands, will ever be liable to abuse.

E sull'interpretazione della Costitutione poi, questa affermazione, per quanto non verificata, mi pare cadere a fagiolo:

  • Do not separate text from historical background. If you do, you will have perverted and subverted the Constitution, which can only end in a distorted, bastardized form of illegitimate government. [unverified]

Per altro a proposito degli arrampicamenti di Scalia, e dei complessi tentativi di interpretazione delle norme viste anche nei commenti qui:

  • It will be of little avail to the people that the laws are made by men of their own choice if the laws be so voluminous that they cannot be read, or so incoherent that they cannot be understood.

A questo punto dovrebbe intervenire un qualche bilanciamento di poteri. In particolare i cittadini americani dovrebbero ricordare che:

  • We are right to take alarm at the first experiment upon our liberties.

Tralascierò a questo punto di citare la dichiarazione di indipendenza, dove cita il diritto dei governati a rovesciare i governi, ma anche la tendenza dei governati a soffrire la perdita dei diritti, soprattutto, aggiungo io, quando questi riguardano una minoranza (e si veda appunto la poesia citata a inizio articolo).

La chiosa a questo punto va nuovamente a Madison:

  • I believe there are more instances of the abridgement of freedom of the people by gradual and silent encroachments by those in power than by violent and sudden usurpations.
  • If Tyranny and Oppression come to this land, it will be in the guise of fighting a foreign enemy.
  • It is a universal truth that the loss of liberty at home is to be charged to the provisions against danger, real or pretended, from abroad.

E forse chi ha lanciato la "war on terror" non si rendeva conto (o forse si) che:

  • No nation could preserve its freedom in the midst of continual warfare.
  • Of all the enemies of public liberty, war is perhaps the most to be dreaded, because it comprises and develops the germ of every other.

Per finire con una battuta, potrei dire che queste si che sono previsioni, non quelle di Nostradamus :-).

  • I believe there are more instances of the abridgement of freedom of the people by gradual and silent encroachments by those in power than by violent and sudden usurpations.

Letta che di fronte ad un 25.6% di votanti che hanno scelto di dare la maggioranza relativa di voti ad un movimento che propone democrazia diretta e decentralizzazione, che non mi stupirei fossero auspicate da una trasversale maggioranza di cittadini, vorrebbe mettere fine al bicameralismo perfetto, incrementando quindi la centralizzazione nonché la fragilità del sistema.

ma mi pare di no

valerio 16/9/2013 - 18:10

quel 25.6% non direi che voglia decentralizzazione o che voglia il bicameralismo perfetto. a me pare solo che vogliano meno politici possibili, ovunque (gli unici a non presentarsi alle provinciali sono stati i M5S). per quel che riguarda i militanti di quel movimento, mi pare più che il loro obiettivo sia in direzione di avere un solo portavoce che esegue ciò che cliccano i cittadini sul computer di casa su domande a risposta chiusa scritte dal portavoce stesso. con la discussione limitata ai meetup di vicinato e ad ai commenti (che il portavoce non legge) su di un blog in cui solo il portavoce e persone da lui scelte possono esprimere compiutamente le proprie idee in post leggibili da tutti i cittadini.