Titolo

Vota NFA ai Macchianera Italian Awards 2013

18 commenti (espandi tutti)

glissiamo

giuliana allen 22/9/2013 - 13:08

per serieta', sull'award per il piu' grande flop....

Veramente c'e' poco da glissare. Il disastro di FiD e' stato un epic fail, altro che flop. Persone colte, preparate e in buona fede hanno buttato al vento la loro credibilta' accodandosi ad un poveraccio con chiari problemi psicologici senza verificare prima di chi si trattasse. Questa "leggerezza" e' costata la faccia e la credibilita' politica non solo al partitello, ma anche a questo blog, che ora traccheggia con pochi interventi e poche discussioni. Personalmente sono sempre stato contrario all'idea di trasformare un blog in un movimento politico: l'Italia ha bisogno dell'Economist, non di un altro partitello all'x<10%, e questo blog stava diventando un punto di aggregazione significativo dell'area liberista. Spero vivamente che le recenti figuracce politiche abbiano la sana conseguenza di spingere ad una riflessione sulle potenzialita' di NfA come opinion maker in grado di rappresentare un punto di riferimento per la politica, senza voler diventare politica esso stesso. Potenzialita' che sono state sprecate negli ultimi tempi. Scusate lo sfogo :-(

Sfogati pure ma non perdere di vista la realtà.

NfA non rappresentava un punto di riferimento per la politica, non lo avrebbe mai rappresentato, perchè non esiste nessun movimento liberista in Italia. Per questo ci si è imbarcati nella coraggiosa impresa di FARE. Per crearlo. L'affare Giannino ha distrutto molto (tutto?) ma era la cosa giusta da tentare.

Sul resto sono d'accordo. 

Nfa può e deve rappresentare un punto di inconto per l'area liberista italiana ma è evidente che Fare abbia sottratto risorse. Forse alcuni non credono più all'idea del blog e puntano a commentare su facebook e twitter, forse altri vi sono stati spinti dalla limitazione ai commenti e dalla possibilità di selezionare gli interlocutori.

Spero in un rilancio e che la potenzialità di proselitismo e aggregazione di questo blog non venga sprecata.

PS
Che poi...non è che siano milioni i liberisti italiani da aggregare :-)

... che abbia i dati definitivi ? votanti li so, votanti per le preselzioni idem, ma a parte i vincitori la classifica completa con i voti dov'è?
Di cosa stiamo parlando ?

Fermare il Declino peggior flop ? l'1% dei voti senza soldi e senza tam tam mediatico immediato è un flop ? Fratelli d'Italia allora è un buco nero, per dirne una. Commentare una cosa tanto minoritaria (68.000 votanti...) e dare sentenze mi sembra il peggior servizio che sio possa fare alla scienza statistica, che comunque non è una scienza esatta.

Gente, dai, non scaldiamoci. I Macchianera Awards sono quello che sono, non hanno un valore statistico, hanno solo valenza pubblicitaria. Per dire, il premio al miglior articolo apparso è andato a quitthedoner che dava 5 ragioni per non votare M5S. Ci dice questo qualcosa sulla popolarità del M5S? Ovviamente no.  Ci dice che quitthedoner ha scritto un bel post vivace e che ci sono alcune migliaia di persone a cui Grillo sta antipatico.

Nemmeno ha senso scaldarsi troppo perché Bagnai ha preso più voti di Nfa o cose del genere. La bontà dell'analisi economica non si misura con la popolarità; in questo caso è evidente che il consenso a Bagnai va soprattutto alle sue conclusioni sull'opportunità di uscire dall'euro, a cui molta gente aderisce abbastanza a prescindere.  Le Awards sono uno strumento per ottenere un po' di pubblicità, punto. Starci a ricamare troppo è una perdita di tempo.

Su Fare, Marco, a me sembra chiaro che è stato un flop. Speravamo e dovevamo fare molto meglio, ed è magra consolazione il fatto che, che so, Ingroia abbia fatto comparativamente molto peggio.Sì, secondo me il peggior flop del 2013 è stato lui, seguito da vicino da  Bersani, noi eravamo al massimo terzi. Ma conta poco o nulla essere primi o terzi in un sondaggio senza valore statistico, il fatto è che flop è stato. Prendiamone atto e cerchiamo di far meglio, evitando di vincere il premio peggior flop nel 2014.

Ma ti interessa veramente? Capisco che dopo Italia Serbia e con l'incombente Milan-Napoli (dove le orde di Benitez insegneranno calcio e distruggeranno quello che resta di una squadra un tempo gloriosa) si senta il bisogno di pensare ad altro ma i MacchiaNeraAuords non sono indicativi di nulla, sia per il numero di votanti, sia per il criterio di voto, sia per il criterio di candidatura. E' un giochino, tutto li. Se ti fan partecipare cerchi di vincere e se vinci ti fai bello ma appunto perchè è un giochino.

Edit

Qualche anno fa Grillo vinse il premio "miglior sito andato a puttane" (già l'esistenza di questa categoria...) alle elezioni abbiam visto come sia andata...

... perchè da una ristretta votazione facciamo discendere giudizi quasi divini. Come per il fatto che una testa di provola che segna 21 rigori in serie debba per forza segnare il 22imo, oppure qualcuno dice "Dopo 21 era facile che ne sbagliasse uno" dimenticando che le possibilità che segni sono sempre il 50%. Sul fatto che sia una testa di provola invece saliamo al 100%.
Comunque, tornando a noi, la faccio perchè su faccialibro si è scatenata una discussione addirittura sul "liberismo in declino", beccando sette piccioni con una fava, invece secondo me i numeri veri direbbero ben altro.

OT: FB

floris 23/9/2013 - 17:41

Prima di tutto un pensiero per ier sera.

La mia impressione è che lo spostamento di buona parte delle discussioni su FB abbia un po' impoverito il sito. In parte è naturale conseguenza del processo che ha formato la "comunità" di nFA, però a volte sembra che anche a causa di ciò la funzione di grande arricchimento che avevano i commenti si sia un po' persa, o per lo meno diventata riservata a chi ha taluni amici su FB .

Oppure, più semplicemente, il processo di scambio che rendeva vivace questa sezione si è un po' esaurito, come è naturale che sia quando ci si è confrontati piu volte su temi centrali del caso Italia, che purtroppo sono sempre gli stessi, perché irrisolti. Magari poi è davvero solo una mia impressione, variante del mito dell' età dell' oro.

( rileggendolo, penso che questo sia un commento degno di FB... )

aggiungo che se la riduzione del numero di commenti pubblicabili ha ridotto i flame, ha ridotto anche la vivacità dei commenti e gli spunti che da essi  nascevano

nFA e FB li ritengo ancora due piani diversi: qui commento se ho qualcosa da dire, ma avendo delle basi logiche (oh, i numeri di Macchianera però nessuno li ha, eh ?), su FB si spara a raffica e incrociando gente di tutti i generi.

Per intenderci: non mi ricordo in quale thread ho beccato un fan di Bagnai (passato remoto), che qui non ci mette piede nemmeno per sbaglio, così come ho letto di alcuni che hanno fatto il pelo a bagnai e sono stati bannati da goofynomics, diciamo che i mondi si incontrano più spesso su FB che qui (di questo posto hanno fisicamente paura: non ci vengono, ma davvero), adesso il bello di una discussione è di mettere in piedi / confutare qualcosa, se siamo tutti d'accordo non c'è nè discussione, nè da commentare, mentre i post rimangono rigorosi se lo devono essere, semi seri se non lo devono essere (io ogni tanto mi rileggo quello sul post elezioni e rido tuttora come un cretino).

Diciamo che su FB vado a cercar rogne (anche se poi i bagnini dopo un pò si arrendono e alzano le mani. Le tipografie non vanno molto di moda, tutto sommato), su nFA cerco degli spunti per azionare il cervello, credo valga anche per altri.

Per altro faccio presente che diversi editors non hanno un profilo FB, o lo hanno chiuso, Alberto Bisin dopo un epico scontro ha chiuso Twitter, insomma sui social si fa essenzialmente altro, eil rumore di fondo e la quantità di informazioni non fa il palo con la qualità.

Per auto citarmi: ad esempio di Sud non parla nessuno, nè su FB, nè altrove, si è avuta una curva di interesse dopo il mio post, ma poi niente più. Evidente che FB non è un luogo per le idee e i dibattiti approfonditi.

Tornando a ieri sera: oramai ripongo tutte le mie speranze nel derby: una vittoria e sto a posto per un anno. D'altronde la seconda squadra di Milano non è nuova a fornirci preziosi aiuti nel momento del bisogno.

con un rigore a partita, in serie B non ci finite di sicuro. Ovviamente se Mario non inizia a sbagliarli

Prima di tutto un pensiero per ier sera.

Fammi aggiornare la lista dei nemici di Corrado:
Dunque, ti metto al quinto posto dopo Dio, le Zanzare, Dudek e Bolì.

Se ti stupisci che l'inutile Emanuelson non sia al primo posto sappi che Dio è al primo posto perchè ha creato le malattie ed Emanuelson.

Per il resto, condivido il tuo commento.

quando gli chiesero di valutare gli effetti della rivoluzione francese ''è troppo presto per dire''.

D'accordo sul classificare come epic fail l'esperienza elettorale di Fare  d'accordo sull'enorme colpo alla nostra credibilità che la vicenda Giannino ha causato. Ma ex ante la probabilità di riuscita, anche se non altissima, non era neanche nulla e secondo me aveva senso provare, vista la situazione estremamente instabile dell'elettorato italiano. Diciamo che se non ci avessimo provato sarei rimasto con il dubbio permanente se non valeva la pena provarci.

Poi, per tornare a Zhou Enlai, l'effetto netto nel lungo periodo, quando la vicenda Giannino sarà stata assorbita, non è chiaro. Vedremo. Per il momento, il premio a peggior flop nel 2013 è pienamente meritato. Per il 2014, speriamo di far meglio.

E comunque hai ragione sul fatto che dovrmmo scrivere di più.

Precisazione

faust 22/9/2013 - 16:37

Vorrei solo puntualizzare che "epic fail" era riferito allo scarto tra risultati e potenzialita' del progetto e che la vostra credibilita' per me (e credo per tutti coloro che vi seguono) non e' cambiata di una virgola. Se poi ce la fate a scrivere con piu' regolarita' e/o a coinvolgere altri autori... beh, posso solo ringraziarvi ed assicurarvi che leggero' tutto come faccio sempre.

L'epic fail è rispetto alle potenzialità. Misurando con i metri abituali della politica italiana è un enorme successo. Ragionando come i politici tradizionali, adesso c'è un pacchetto di voti che si può spendere per allearsi con qualcuno ed entrare in Parlamento alla prossima elezione. Per dire, Gianfranco Rotondi s'è fatto la sua bella carriera con percentuali inferiori.

Il punto ovviamente è che l'idea di fare il Rotondi della situazione, o di aiutare una forza politica che produce dei Rotondi, a me provoca conati di vomito. O anche solo dei Pannella, per dire, di gran lunga più decente di un Rotondi ma pur sempre rinchiuso nella sua dimensione narcisistica-ultraminoritaria e incapace di incidere sulle cose che contano veramente.  Il progetto era quello di creare una forza politica capace di incidere realmente e in profondità sulla politica economica. Da quel punto di vista non c'è niente da fare, è stato un epic fail.  Ma lo è stato nelle elezioni del 2013. Nel più lungo periodo, vedremo. Il compagno Zhou Enlai resta il grande maestro.

la tua rubrichina del sabato con la roba da leggere...non una volta ogni morte di papa ma un po...a scadenza settimanale, no? Guarda che la routine aiuta anche i lettori

Ho le solite scuse sul fatto che uno deve anche lavorare, ma almeno le letture del sabato bisognerebbe farle comunque, è vero che la routine aiuta. Prometto più impegno.

grazie

giuliana allen 22/9/2013 - 22:07

le promesse da te le accetto con piacere! Dai che ti aspettiamo