Titolo

Vota NFA ai Macchianera Italian Awards 2013

6 commenti (espandi tutti)

Effettivamente, in Emilia (ma molto di più in Romagna), i nomi William, Walter, Wanda, (ma anche Willy, etc.) sono molto diffusi.
Ma si pronunciano Villiam, Valter, Vanda, Villi . . .

Ho letto recentemente un racconto di Guccini su un certo Adumàs.
Chi era? Ovvio: l'autore dei Tre moschettieri.

Purtroppo, "alla fonte battesimale sono stati commessi tanti crimini". Ma quelli sono fatti privati.

La mania di utilizzare nei codici italiani delle parole straniere non è colpa dei cittadini. E' solo l'ennesima dimostrazione dell'ignoranza dei nostri legislatori e governanti, che non conoscono neanche la lingua italiana.

Potrei prendere spunto per perorare ancora una volta la causa di un "diritto alla competenza amministrativa" di cui il cittadino dovrebbe godere, ma, come al solito, nessuno mi considererebbe.

Non solo si pronunciano, ma sono scritti Valter, Viliam...

Vogliamo parlare dei vare Iames? (o Ianes in alcuni casi).

L'usanza di dare al nascituro il nome del santo del giorno ha generato anche alcuni Comdef.

Ma la chicca suprema sono (gli invero scarsi) Firmato. Che si chiamano Firmato come Diaz il generale, a voi svelare l'arcano...

ma non solo

micheleL 11/9/2013 - 14:52

Vogliamo parlare di Iones? O di altre storpiature tipo "Viliano"? Alcuni di questi sono anche dovuti alla divieto fatto di battezzare i bambini con nomi stranieri durante la seconda guerra mondiale (quando il sud italia era già liberato anche in Emilia alcuni inneggiavano al liberatore americano utilizzando nomi americani per i neonati). E in tempi più recenti c'è pure una dose di ignoranza.... Vogliamo parlare dei vari "Maicol"?

PS Immagino che il bollettino della vittoria fosse letto terminando con un bel "Firmato: Diaz"

Diaz

marco esposito 11/9/2013 - 16:07

Sì, anche perchè Diaz si chiamava Armando.

Armando che era proprio il mio gemello pero' gli volevo bene come fosse il mio fratello (cit.)
Ma qualcuno conosce veramente un "Firmato"? Oppure un "Comdef" ?Avete un' epigrafe o un elenco dell'anagrafe con questi nomi?

Scusate la scarsa fiducia ma io ste storie le ho sempre sentite da gente come Biagi e Montanelli e, non voglio dargli dei cazzari, buonanime, ma insomma tendevano a colorare gli aneddoti. Magari da un caso isolato hanno fatto un romanzo

Considerando che i parrocci, soprattutto un tempo, ti rompevano le palle se volevi chiamare il figlio Eros o Fausto come potevano non battere ciglio se chiamavi il figlio "Comdef"? Mi sembra strano.

 

 

Francia

Gabriele Stilli 11/9/2013 - 17:21

L'usanza di dare al nascituro il nome del santo del giorno ha generato anche alcuni Comdef.

In Francia tanti bimbi sono stati chiamati Fetnat (Fête Nationale) :-)