Titolo

Vota NFA ai Macchianera Italian Awards 2013

11 commenti (espandi tutti)

 

 

Sono abbastanza stupito di questa risposta. Ribadire come si pronunci Batman in inglese, significa non aver capito quale sia il punto in discussione, che non è “come” ma “perché”.

 

Il tuo punto qual è? Sostieni forse che per Batman e Superman abbiamo cercato la pronuncia sul dizionario e abbiamo deciso come andassero resi in italiano suoni inglesi di cui la nostra lingua è priva?

 

Ti rimarrebbe da spiegare perchè ci siamo stufati di farlo per le altre parole straniere.

 

Per quale motivo non abbiamo cercato Hulk, Colgate, Levis, dato che li pronunciamo "sbagliati"?

 

Apache, poi, deve mancare completamente dal dizionario, visto che in Italia chiamiamo gli indiani “Apasce”, mentre gli elicotteri “Apaci”.

 

 

 

Io sostengo sia perché, a differenza di Tedeschi, Francesi, Spagnoli, noi non seguiamo nessuna regola su come gestire i termini stranieri nella nostra lingua e tutto viene lasciato al caso e al primo traduttore/doppiatore/giornalista che passa. Che era quello che mi interessava sottolineare con la battuta.

 

 

 

PS
per Giuliana Allen:

 

 

 

riguardo “location” volevo postarti una cosa divertente, ma non la trovo online. Era la guida di un locale maiorchino. Nella presentazione inglese si parlava di “beautiful setting”, in italiano di “fantastica location” J

 

 

 

PPS
Per sentire le pronunce di termini stranieri (qualsiasi lingua), consiglio il fantastico sito:
http://it.forvo.com/ 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ribadire come si pronunci Batman in inglese, significa non aver capito quale sia il punto in discussione, che non è “come” ma “perché”.

ti sei chiesto perché  "Se "Superman" lo pronunciano tutti SupermEn perchè Batman non lo pronunciano BatmEn?", bene, t'ho indicato il perché, e cioé che in inglese si pronunciano in modo diverso, e pure in Italiano vengono pronunciati in modo diverso. Domanda facile, risposta facile. Che vuoi di più?

Troppo divertente!!!!

poi ogni tanto gli inglesi ci mettono del loro, come per Greenwich o Leicestershire :)

Mi sembrate matti. Veramente state cercando di dare delle regole univoche alla pronuncia "angloamericana"?

Quando gli americani guardano "Doctor Who" mettono i sottotitoli.

Forse, l'unica regola è che ogni parola può essere pronunciata in diversi modi. Figurarsi i bisillabi o i trisillabi.

Perché, voi la parola "water" come la pronunciate, per non farvi ridere dietro? "uader" o "uota"?

L'unica risposta forse è: "dipende da in che parte del mondo mi trovo".

Matti magari lo siamo, ma non per quello. :-)

Il punto non è come gli stranieri pronunciano la loro lingua, il punto è come vadano trattati i termini stranieri (anche quelli non inglesi) una volta importati in italiano.

Gli italiani non lo sanno l’inglese e quando pronunciano le parole straniere non lo fanno, come pensa Francesco, cercando di avvicinarsi alla pronuncia originale ma semplicemente perché in quel modo le sentono in tv.

In paesi come Francia e Spagna i giornalisti e traduttori si sono dati delle norme univoche.

Noi siamo in balia del primo giornalista che passa. Questa cosa mi fa impazzire.

Se il giornalista decide di tradurre il termine, allora lo pronunceremo tradotto, altrimenti come si scrive (Colgate), poi c’è la terza opzione, forse la più praticata: il giornalista traduce ma sbagliando la pronuncia, tipo “Jessica Lange” o “Chicago” che non pronunciamo nè come si leggerebbe in italiano nè come li ddirebbe un americano.

Gli esempi sono infiniti: nello stesso servizio del telegiornale diciamo F.B.I. (ef.bi.ai.) ma non si.ai.ei. (C.I.A.), nello stesso film (X-Men): Wolverine resta tale, Cyclops diventa Ciclope.

L’ultima moda tra i giornalisti è cambiare pronunce consolidate appena si scopre sulla CNN o su Letterman che non era quella USA: così il Titanic diventa Taitanic, il KGB diventa il KEGHEBE. Ultimamente il CSKA Mosca e diventato SI SKA MOSCA.

Io trovo tutto questo di un provincialismo pazzesco. 

 

meglio perro caliente o oddog/otdog?

 

Ps: Ghiottone non suona, meglio wolverine.

Basta che ci si decida, poi non mi cambia nulla. Perchè mangiamo la torta di mele e "il" cheesecake ? O ci mangiamo la torta di mele e la torta di formaggio o ci mangiamo l'apple pie e la cheesecake.

Perchè se diciamo milcsceiich (milkshake) non diciamo uafa (wafer) ? Anche lì, quando il frappè si è tramutato in milkshake? :-).

In america se magnano la lasaghne e la bruscietta mica una volta lo pronunciano all'americana ed una all'italiana.

Suona decisamente male come nome di un dolce ;-)

 

In effetti non è molto accattivante. I bambini non la mangerebbero più. Mi hai fatto venire in mente un parente di mia moglie che da piccolo, a cena da amici di famiglia, non ne voleva sapere del pollo. Finchè, con un'intuizione, la mamma gli dice "ma stupid, cosa credi che sia il pollo? A l'è il pullaster!" " Ah! Allora va bene" 

Ti sei dimenticato la Nike