Titolo

Buona volontà ma idee ancora confuse

2 commenti (espandi tutti)

se ho capito bene, l'idea è di creare dipartimenti specializzati per disciplina con docenti di università diverse. Mi sembra abbastanza difficile e foriero di confusione. Infatti  la didattica ovviamente richiede docenti di discipline diverse. Come sarebbe organizzata? Ciascun docente sarebbe inquadrato in un dipartimento locale per la didattica ed in uno regionale per la ricerca?  E da chi sarebbe pagato?

però l'idea di avere dipartimenti grandi (e a norma di legge) e con un discreto bacino d'utenza poteva avere un senso. Ovviamente è impossibile chiedere al Rettore di Parma di chiudere un dipartimento e spostare tutto il corpo docente-ricercatore a Modena (o viceversa), però di fatto quello che si sta facendo in assenza di investimenti è quello. Invece che un trasferimento rapido e doloroso sarà un lento declino. Perché se per sopravvivere ci vogliono 40 strutturati e non si assume nessuno (e decide l'Ateneo, mica mia nonna) e ovviamente c'è gente che va in pensione, bisogna solo calcolare in quale anno, col presente ricambio il dipartimento chiuderà o dovrà confluire in altro più grande, con la conseguenza che diminuirà sempre di più il potere politico e di assunzione e quindi si sparisce.